'O SOLE MIO


(Capurro, Di Capua – 1898)


 
Che bella cosa na jurnata 'e sole,
n'aria serena doppo a na tempesta.
Pe' ll'aria fresca pare già na festa.
Che bella cosa na jurnata 'e Sole.
 
Che bella cosa una giornata di sole,
un’aria serena dopo una tempesta.
Per l’aria fresca sembra già una festa.
Che bella cosa una giornata di sole.
 
Ma n'atu Sole
cchiù bello, oje né',
'o sole mio,
sta 'nfronte a te
'O sole,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te,
sta 'nfronte a te.
 
Ma un altro sole
più bello, oh bimba,
il mio sole
sta in fronte a te.
il sole,
il sole mio,
sta in fronte a te,
sta in fronte a te.
 
Lùceno 'e llastre d' 'a fenesta toja,
na lavannara canta e se ne vanta
e pe' tramente torce, spanne e canta,
lùceno 'e llastre d' 'a fenesta toja.
 
Brillano i vetri della tua finestra,
una lavandaia canta e se ne vanta
e intanto strizza, stende e canta,
brillano i vetri della tua finestra.
 
Ma n'atu sole
………………
 
Ma un altro sole
………………….
 
Quanno fa notte e 'o Sole se ne scenne,
mme vène quase na malincunia,
sott' 'a fenesta toja restarrìa,
quanno fa notte e 'o sole se ne scenne.
 
Quando fa notte e il sole tramonta,
mi viene quasi una malinconia,
sotto la tua finestra resterei,
quando fa notte e il sole tramonta.
 
Ma n'atu sole
………………
Ma un altro sole
………………….


Giovanni Capurro, giornalista, redattore delle pagine culturali del quotidiano “Roma” di Napoli, nel 1898 scrisse i versi della canzone affidandone la composizione musicale a Eduardo Di Capua che, in quel tempo si trovava ad Odessa in Ucraina con suo padre, violinista in un’orchestra. La musica del brano, quindi, sembra sia stata ispirata da una splendida alba sul Mar Nero e non, come si potrebbe pensare, dal sole di Napoli. Il brano venne poi presentato ad un concorso musicale a Napoli, promosso dall’editore Bideri, senza però avere un grande successo. Al concorso arrivò seconda, ma, in seguito, si diffuse sempre di più, anche fuori dall’Italia, fino a diventare un vero e proprio patrimonio della musica mondiale. ‘O sole mio è probabilmente la canzone più famosa di tutti i tempi, ma non fruttò molto ai suoi due autori, Di Capua e Capurro, che morirono in povertà negli anni ’20.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia