'O SURDATO 'NNAMMURATO


(Califano, Cannio – 1915)


 
Staje luntana da stu core,
a te volo cu 'o penziero,
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me.
Si' sicura 'e chist'ammore
comm'i' só' sicuro 'e te.
 
Sei lontana da questo cuore,
da te volo col pensiero,
niente voglio e niente spero
se non tenerti sempre accanto a me.
Sei sicura di questo amore
come io sono sicuro di te.
 
Oje vita, oje vita mia,
oje core 'e chistu core,
si' stata 'o primmo ammore
e 'o primmo e ll'ùrdemo sarraje pe' me.
 
Oh vita, oh vita mia,
oh cuore di questo cuore,
sei stata il primo amore
e il primo e l'ultimo sarai per me.
 
Quanta notte nun te veco,
nun te sento 'int'a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t'astregno forte 'mbraccio a me.
Ma, scetánnome 'a sti suonne,
mme faje chiagnere pe'tté.
 
Da quante notti non ti vedo,
non ti sento tra queste braccia,
non ti bacio questa faccia,
non ti stringo forte in braccio a me.
Ma, svegliandomi da questi sogni,
mi fai piangere per te.
 
Oje vita, oje vita mia,
………………………..
 
Oh vita, oh vita mia,
……………………….
 
Scrive sempe e sta' cuntenta,
io nun penzo che a te sola,
nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me.
'A cchiù bella 'e tutt' 'e bbelle
nun è maje cchiù bella 'e te.
 
Scrivi sempre che sei contenta,
io non penso che a te soltanto,
un pensiero mi consola,
che tu pensi soltanto a me.
La più bella tra tutte le belle
non è mai più bella di te.
 
Oje vita, oje vita mia,
………………………..
Oh vita, oh vita mia,
……………………….


La canzone è ambientata durante la Prima Guerra Mondiale. Il protagonista è un soldato che dal fronte scrive alla sua amata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia