'O VASCIO


(E. A. Mario, Cardarola – 1946)


 
'A gente ca mme vede 'e sentinella
'nnanze a stu vascio da 'a matina â sera:
"Ma chisto" dice "ha perzo 'e ccerevelle?
Ma comme? S'è cecato 'e 'sta manera?"
E invece, i' voglio bene a na figliola,
ca sta 'int' 'o vascio e nun è vasciajola.
 
La gente che mi vede di sentinella
davanti a questo vascio dalla mattina alla sera
dice: "Ma questo ha perso il cervello?
Ma come? E' cieco in questo modo?"
E invece, io voglio bene ad una ragazza,
che abita nel vascio ma non è plebea.
 
No, stu vascio1 nun è vascio,
è na reggia. E' 'a meglia reggia.
E sissignore, 'o pate è masterascio.
E sissignore, 'a mamma è 'mpagliasegge2.
Ma hanno fatto chella figlia
ch'è na vera meraviglia,
ca pe' sbaglio è nata llà.
 
No, questo vascio1 non è vascio,
è una reggia. E la miglior reggia.
E sissignore, il padre è falegname.
E sissignore, la madre è "impaglia sedie"2.
Ma hanno fatto quella figlia
che è una vera meraviglia
che per sbaglia è nata là.
 
'A mamma dice: "No, signore mio.
A stà ô sicondo piano? Nun sia maje".
E 'o pate dice: "Quant'è certo Dio,
io 'nchian' 'e terra ce stó' buono assaje".
E intanto, a figlia, chella bella zita,
vò' stà cu lloro quanno se mmarita.
 
La mamma dice: "No signore mio.
Stare al secondo piano? Non sia mai".
E il padre dice: "Quanto è vero Dio.
io al piano terra ci sto molto bene".
E intanto, la figlia, quella bella zitella,
vuole stare con loro quando si sposa.
 
No, stu vascio nun è vascio,
………………………………..
 
No, questo vascio non è vascio,
…………………………………….
 
E ajeressera mme só' appiccecato
cu 'e genitore mieje ch'hanno ragione.
Papà, ch'è pronipote 'e titolato,
dice: "E addó' va a fernì chistu blasone?"
Ma i' penzo ca pe' duje uocchie 'e brillante,
scenne 'a cavallo pure nu rignante".
 
E ieri sera ho litigato
con i miei genitori che hanno ragione.
Papà, che è pronipote di un nobile,
dice: "E dove va a finire questo blasone?"
Ma io penso che per due occhi brillanti
scende da cavallo anche un regnate.
 
No, stu vascio nun è vascio,
………………………………..
No, questo vascio non è vascio,
…………………………………….


1 Il "vascio" (letteralmente, basso) rappresenta l’abitazione delle fasce più povere della popolazione. Solitamente era formato da un locale unico, il cui ingresso dà direttamente sulla strada o, in alcuni casi, su uno stretto marciapiede o uno scalino. Molto spesso il vascio era adibito ad attività commerciale dove la padrona di casa, dall'ingresso o dalla finestra, vendeva un po' di tutto, dal ghiaccio alle sigarette di contrabbando. 2 L'artigiano delle sedie, aveva la capacità di riparare le sedie e lo faceva ad un prezzo modico, cosa importante vista l'impossibilità di moltissime famiglie nel comprarne di nuove. Girava per il paese a piedi con gli attrezzi necessari e, magari, anche con un paio di sedie sulle spalle in attesa di essere chiamato per qualche lavoro. Operava, logicamente, in strada e spesso la sua opera era seguita con interesse e commentata dall'intero vicolo. Quando era richiesta la sua opera, prelevava le sedie e, dopo averle trasportate all'aperto, eliminava la paglia che aveva costituito il fondo della sedia da riparare e, servendosi di un coltellaccio e di una stecca, provvedeva a ricostruire il fondo della sedia. Oltre alle sedie, poteva impagliare anche bottiglie e damigiane.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia