'O ZAMPUGNARO 'NNAMMURATO


(A. Gill – 1918)


 
Nu bellu figliulillo zampugnaro,
che a Napule nun c'era stato ancora,
comme chiagneva, 'nnante a lu pagliaro,
quanno lassaje la 'nnammurata fora.
E a mezanotte, 'ncopp'a nu traíno,
pe' Napule partette da Avellino.
 
Un bel ragazzo zampognaro,
cha a Napoli non era stato ancora,
come piangeva, davanti al pagliaio,
quando lascio la fidanzata di fuori.
E a mezzanotte, su di un carrettino,
per Napoli partì da Avellino.
 
Ullèro – ullèro,
buono e sincero.
Da lu paese, a Napule arrevato,
nce cammenava comm'a nu stunato.
 
Ullèro – ullèro,
buono e sincero.
Dal paese, arrivato a Napoli,
ci camminava come uno stupido.
 
E succedette ca, na bella sera,
jette a sunà a la casa 'e na signora.
Tappéte, luce, pavimente a cera,
ricchezze maje nun viste anfin'a allora.
Ma se 'ncantaje, cchiù assaje de sti rricchezze,
'e ll'uocchie d' 'a signora e de li ttrezze.
 
E successe che, una bella sera,
andò a suonare a casa di una signora.
Tappeti, luci, pavimenti di cera,
ricchezze mai viste fino ad allora.
Ma si incantò, più che con le ricchezze,
con gli occhi della signora e con le trecce.
 
Ullèro – ullèro,
fuje nu mistero.
Quanno jette pe' vasà â signora 'e mmane:
"Zitto"sentette 'e dì "viene dimane".
 
Ullèro – ullèro,
fu un mistero.
Quando andò a baciare alla signora le mani:
"Zitto" sentì dire "vieni domani".
 
Cielo, e comme fuje doce 'sta nuvena
ca ll'attaccaje cu n'ata passione.
E se scurdaje 'e ll'ammore 'e Filumena
ch'era fatecatora e bona bona.
Ma ll'urdema jurnata ca turnaje,
chella signora, â casa, 'un ce 'a truvaje.
 
Cielo, e come fu dolce questa novena
che l'attaccò con un'altra passione.
E si dimenticò dell'amore di Filomena
che era lavoratrice e buona buona.
Ma l'ultima giornata che tornò,
quella signora, in casa, non la trovò.
 
Ullèro – ullèro,
sturduto overo,
avette ciento lire e 'sta 'mmasciata:
"Scurdatavella, chella è mmaretata".
 
Ullèro – ullèro,
confuso davvero,
ebbe cento lire e questo messaggio:
"Dimenticatela, quella è sposata".
 
Na casarella 'mmiez'a li mmuntagne,
nu fucularo cu nu cippo 'e pigne.
'A neve sciocca e na figliola chiagne.
Chisà stu lietto 'e sposa si se 'ncigna.
P' 'a strada sulitaria d'Avellino
nun sta passanno manco nu traìno.
 
Una casetta tra le montagne,
un focolaio con un ceppo di pino.
La neve fiocca e una ragazza piange.
Chissà se questo letto di sposa si prepara.
Per la strada deserta di Avellino
non sta passando nemmeno un carrettino.
 
Ullèro – ullèro,
"Cagna penziero".
Sta sotto a nu barcone appuntunato,
poveru zampugnaro 'nnammurato.
Ullèro – ullèro,
"Cambia pensiero".
Sta sotto un balcone appostato,
Povero zampognaro innamorato.

Un commento su “‘O zampugnaro ‘nnammurato

  1. Altro che i testi di questi quattro s****** che invita la de filipippa

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia