OJE MÀ', DAMMILLO


(Fragna, Cannio – 1901)


 
Oje mà', siente 'a fanfarra?
Mo passano 'e surdate.
E Tóre 'nziem'a ll'ate,
mo passa, 'o vuó' vedé?
 
Oh mamma, senti la fanfara?
Ora passano i soldati.
E Salvatore insieme agli altri,
ora passa, lo vuoi vedere?
 
Cu 'o zaino 'ncopp' 'e spalle,
mme fa cumpassione.
'O povero guaglione
tène surtanto a me.
 
Con lo zaino sulle spalle,
mi fa compassione.
Il povero ragazzo
ha solo me.
 
Oje mà', dammíllo,
ch' 'o voglio bene.
Appena vène,
mme spusarrà.
 
Oh mamma, dammelo,
che gli voglio bene.
Appena torna,
mi sposerà.
 
Totóre mio,
mme ll'ha giurato,
dopp' 'o surdato,
jamm'a spusà.
 
Salvatore mio,
me l'ha giurato,
dopo la leva
andiamo a sposarci.
 
Quanno murette 'a mamma
te ll'arraccummannaje,
a te te ll'affidaje.
Te ll'hê scurdato, oje mà'?
 
Quando morì la mamma
te lo raccomandai,
a te l'affidai.
Te lo sei dimenticato, oh mamma?
 
Dicette: "Quanno è gruosso,
si nun ve dispiace,
spósano 'nsanta pace".
Mo nun mm' 'o vuó' dà cchiù?
 
Dicesti: "Com'è grosso,
se non vi dispiace,
sposano in santa pace".
Ma non me lo vuoi più dare?
 
Oje má', dammillo,
…………………….
 
Oh mamma, dammelo,
………………………….
 
Mo lle danno 'o cungedo,
ajere mme ll'ha scritto.
Oje mà', sa' che mm'ha ditto?
Ca penza sempe a me.
 
Ora gli danno il congedo,
ieri me l'ha scritto.
Oh mamma, sai che mi ha detto?
Che pensa sempre a me.
 
Comme mme sbatte 'o core,
penzanno ca mo vène.
Uh, quanto 'o voglio bene,
nun t' 'o ppuó' 'mmagginà.
 
Come mi batte il cuore,
pensando che ora arriva.
Uh, quanto gli voglio bene,
non te lo puoi immaginare.
 
Oje mà', dammillo,
…………………….
Oh mamma, dammelo,
………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia