PAESE MIO


(P. De Filippo – 1966)


 
E te veco n'ata vota
casa mia, paese amato.
Te lassaje, só' turnato
pe' nun te lassà maje cchiù.
Pecché dint'a chistu core
nce staje sulamente tu.
 
E ti vedo un'altra volta
casa mia, paese amato.
Ti ho lasciato, sono tornato
per non lasciarti mai più.
Perchè in questo cuore
ci sei soltanto tu.
 
Quant'è bello stu cielo.
Quant'è bello stu mare.
Tutt'attuorno mme pare
ch'è turnata 'a giuventù.
E chest'aria 'e ciardine
comm'è fresca e gentile.
A guardà chistu sole,
te siente, 'int' 'e vvéne,
'o piacere 'e campà.
 
Com'è bello questo cielo.
Com'è bello questo mare.
Tutto interno mi sembra
che sia tornata la giovinezza.
E quest'aria dei giardini
com'è fresca e gentile.
A guardare questo sole,
ti senti, nelle vene,
il piacere di vivere.
 
Pe' quant'acqua tene 'o mare,
tanta lacreme, stu core,
ha chiagnuto 'ntutte ll'ore,
cu 'a speranza 'e riturnà.
Pecché dint'a chistu core
nce staje sulamente tu.
 
Per quanta acqua ha il mare,
tante lacrime, questo cuore,
ha pianto a tutte le ore,
con la speranza di ritornare,
Perchè in questo cuore
ci sei soltanto tu.
 
Quant'è bello stu cielo.
………………………….
Com'è bello questo cielo.
…………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia