PALAZZIELLO


(Bonagura, Rendine – 1950)


 
Chillo facesse
fuoco fuoco fuoco.
E po' curresse
vico vico vico
si na risposta:
"Scenne a n'atu ppoco"
fosse 'o signale
ca se vò' fà vedé.
 
Quello farebbe
fuoco fuoco fuoco.
E poi correrebbe
vicolo per vicolo per vicolo
se una risposta:
"Scende tra un altro po'"
fosse il segnale
che si vuole far vedere.
 
Gente,
guardáte chistu giovane
comme
se perde pe' na femmena.
 
Gente,
guardate questo giovane
come
si perde per una donna.
 
Chella è nu palazziello senza scala,
chella è nu bastimento senza vela.
Si pure ce mettimmo na parola,
vó' stà sola,
nun c'è che fà.

Chella è nu palazziello senza scala.
 
Quella è un palazzo senza scala,
quella è un bastimento senza vela.
Se pure ci mettiamo una parola,
vuole stare sola,
non c'è niente da fare.

Quella è un palazzo senza scala.
 
Isso 'a vó' bene
tanto tanto tanto.
Essa nun sente
niente niente niente.
Isso mo tene
ll'uocchie 'nfuse 'e chianto.
Essa mo dice:
"Che mme ne 'mporta a me".
 
Lui le vuole bene
tanto tanto tanto.
Lei non sente
niente niente niente.
Lui ora ha
gli occhi bagnati di pianto.
Lei ora dice:
"Cosa me ne importa a me".
 
Gente,
ma si nun se capacita,
comme
se sbroglia stu gumitolo?
 
Gente,
ma se non si capacita,
come
si sbroglia questo gomitolo?
 
Chella è nu palazziello senza scala,
………………………………………
 
Quella è un palazzo senza scala,
……………………………………
 
Nun 'o vò' bene.
Nun ce sta niente 'a fà.
Chella è nu palazziello senza scala.
Non gli vuole bene.
Non c'è niente da fare.
Quella è un palazzo senza scala.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia