PALCOSCENICO


(Bonagura, Bruni – 1956)


 
Signó' acalàte,
ca i', dimane, nun ce vengo.
 
Signore abbassate,
che io, domani, non vengo.
 
Va p' 'o vico na voce, na stesa,
p' 'e mmaéste ca vònno fà spesa.
Na carretta, ch'è chiena 'e campagna,
ll'accumpagna pe' tutt' 'a città.

   Ll'accumpagna pe' tutt' 'a città.
 
Per il vicolo va una voce, un grido,
per le popolane che vogliono fare la spesa.
Una carretta, che è piena di campagna,
le accompagna per tutta la città.

   Le accompagna per tutta la città.
 
Mo na sciassa cu 'o rrusso e cu 'o ggiallo,
s'appresenta cu 'a museca e 'o ballo,
pazzariéllo è chist'ommo ch'avanza.
Vótta e scanza, cchiù folla se fa.
 
Ora una giubba con il rosso e con il giallo,
si presenta con la musica e col ballo,
pazzo è quest'uomo che avanza.
Spinge e scansa, più folla si fa.
 
Puó' dì
ch' 'e strade 'e Napule cheste só',
nu palcoscenico.
Puó' dì
ch' 'a gente 'e Napule chesto vò',
nu palcoscenico.
Só' scene comiche,
só' scene tragiche,
mentre se recita
siente 'e cantà:
"Napule, Napule, Napule, Na'.
Acqua fresca, chi s' 'a véve".
 
Puoi dire
che le strade di Napoli sono queste,
un palcoscenico.
Puoi dire
che la gente di Napoli vuole questo,
un palcoscenico.
Sono scene comiche,
sono scene tragiche,
mentre si recita
senti cantare:
"Napoli, Napoli, Napoli, Na'.
Acqua fresca, chi la beve".
 
'Npont'ô vico s'apára na festa,
passa 'o ruoto, 'o varrile, 'a canesta.
Comm'arriva na chiorma 'e straniere,
che se vede? Currite, Currì'.

   Che se vede? Currite, Currì'.
 
In fondo al vicolo si prepara una festa,
passa la pentola, il barile, la cesta.
Come arriva un gruppo di stranieri,
cosa si vede? Correte, correte.

   Cosa si vede? Correte, correte.
 
Carulina se scippa cu Rosa,
chesta è 'nzista, ma chella è gelosa,
pe' nu guappo1 ca 'nganna duje core,
sti ddoje sore só' bone 'e murì.
 
Carolina litiga con Rosa,
questa è orgogliosa, ma quella è gelosa,
per un guappo1 che inganna due cuori,
queste due sorelle sono capaci di morire.
 
Puó' dì
ch' 'e strade 'e Napule cheste só',
nu palcoscenico.
Puó' dì
ch' 'a gente 'e Napule chesto vò',
nu palcoscenico.
Só' scene comiche,
só' scene tragiche,
mentre se recita
siente 'e cantà:
"Napule, Napule, Napule, Na'.
'E mellune chine 'e fuoco".
 
Puoi dire
che le strade di Napoli sono queste,
un palcoscenico.
Puoi dire
che la gente di Napoli vuole questo,
un palcoscenico.
Sono scene comiche,
sono scene tragiche,
mentre si recita
senti cantare:
"Napoli, Napoli, Napoli, Na'.
I meloni sono pieni di fuoco".
 
Signó' acalàte,
ca i', dimane, nun ce vengo.
Acalàte.
Signore abbassate,
che io, domani, non vengo.
Abbassate.


1 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia