PALOMMA


(A. Gill – 1926)


 
Palomma te chiammava mamma toja,
Palomma e ne facive lacremelle.
"Chella nun sape 'a casa soja,
sempe cumpagne e cumpagnelle".
E comm'a na palomma tu facive
e â scola e add' 'a maesta nun ce jive.
 
Farfalla ti chiama tua mamma,
Farfalla e ne facevi pianti:
"Quella non conosce casa sua,
sempre amici e amichette".
E come a una farfalla facevi
e a scuola dalla maestra non andavi.
 
Ciento 'nnammuratielle appriesso a te
e nce 'ncappaje pur'io senza vulé.

Palomma, Palomma ca vuole
cagnanno nu sciore pe' n'ato,
si truove quacche sciore avvelenato
fernisce 'e vulà.
 
Cento innamorati insieme a te
e ci caddi anch'io senza volere.

Farfalla, Farfalla che voli
cambiando un fiore dopo l'altro,
se trovi qualche fiore avvelenato
smetti di volare.
 
Palomma e st'uocchie tuoje erano stelle,
nu manto 'e seta sti capille nire,
ma addó' passave cu sti scelle
erano lacreme e suspire.
Anfin'a che, nu juorno, pe' destino,
te 'ncapricciaste cu nu signurino.

Ma cu nu signurino 'e chilli llà,
ca penzano a fà diébbete e a ghiucà.
 
Farfalla e questi tuoi occhi erano stelle,
un manto di seta questi capelli neri,
ma dove passavi con queste ali
erano lacrime e sospiri.
Finché, un giorno, per destino,
ti fissasti con un signorino.

Ma con un signorino di quelli là,
che pensano a far debiti e a giocare.
 
Palomma, Palomma ca vuole
………………………………..
 
Farfalla, Farfalla che voli
………………………….
 
E chillo ca giuraje ca te spusava,
na casa t'affittaje 'ncopp' 'e quartiere.
E po', truccata, te mannava
'mmiezo Tuledo tutt' 'e ssere.
Aggiu saputo mo ca staje malata,
fort'è si 'a tire 'nnanze 'sta vernata.
 
E quello che giurò che ti sposava,
una casa ti affittò ai quartieri.
E poi, truccata, ti mandava
in via Toledo tutte le sere.
Ho saputo che sei malata,
è tanto se tiri avanti fino all'inverno.
 
E chillo ch'avri' 'a stà vicino a te,
sta nott'e ghiuorno 'int'a nu tabarè1.

Palomma che pena a stu core
penzanno a ll'ammore passato.
Mo ch'hê truvato 'o sciore avvelenato,
nun puó' cchiù vulà.
E quello che dovrebbe stare vicino a te,
sta notte e giorno in un tabaret1.

Farfalla che pena per questo cuore
pensando all'amore passato.
Ora che hai trovato il fiore avvelenato,
non puoi più volare.


1 Locale in cui c'erano spettacoli musicali e cabaret in cui era anche possibile mangiare e bere ai tavoli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia