PALOMMA D' 'O MARE


(E. A. Mario, Vitone – 1948)


 
Varca a vela, ca 'a chesta riviera
t'alluntane e vaje lesta p' 'o mare,
na palomma tu pare
ca, bianca e liggiera,
va bello a vulà.
 
Barca a vela, che da questa riviera
ti allontani e vai lesta per il mare,
un farfalle sembri
che, bianca e leggera,
si diverte a volare.
 
Vola palomma.
Vola, palomma d' 'o mare.
Porta 'a 'mmasciata
a chi vò' bene a stu core,
dille ca làcreme amare
mme costa st'ammore,
ca 'a voglio vedé.
 
Vola farfalla.
Vola, farfalla del mare.
Porta il messaggio
a chi vuol bene questo cuore,
dille che lacrime amare
mi costa questo amore,
che la voglio vedere.
 
Sta a Surriento, nun troppa è 'a distanza,
ma spartuto 'a n'oceano mme sento.
O Neviorche, o Surriento,
mme manca 'a speranza
d' 'a capacità.
 
Sta a Sorrento, non è troppa la distanza,
ma diviso da un oceano mi sento.
O New York o Sorrento,
mi manca la speranza
di farle capire.
 
Vola palomma.
……………….
 
Vola farfalla.
…………….
 
Aggiu scritto cu 'o sango 'e sti vvéne
pe' lle dí ca stó' sulo e stó' afflitto.
"Viene ampresso" aggiu scritto
"pecché si nun viene,
dimane, chisà".
 
Ho scritto col sangue di queste vene
per dirle che sono solo e afflitto.
"Vieni presto" ho scritto
"perchè se non vieni,
domani, chissà".
 
Vola palomma.
……………….
Vola farfalla.
…………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia