PALOMMA 'E NOTTE


(Di Giacomo, Buongiovanni - 1906)


 
Tiene mente 'sta palomma,
comme gira, comm'avota,
comme torna n'ata vota
sta ceròggena a tentà.
 
Guarda questa farfalla,
come gira, come rigira,
come torna un'altra volta
a tentare questa candela.
 
Palummè' chist'è nu lume,
nun è rosa o giesummino.
E tu, a forza, ccà vicino
te vuó' mettere a vulà.
 
Farfallina questo è un lume,
non è rosa o gelsomino.
E tu, per forza, qui vicino
ti vuoi mettere a volare.
 
Vatténn' 'a lloco.
Vatténne, pazzarella.
Va' palummella e torna,
e torna a st'aria
accussì fresca e bella.
'O bbì' ca i' pure
mm'abbaglio chianu chiano,
e che mm'abbrucio 'a mano
pe' te ne vulé caccià?
 
Vattene da lì.
Vattene, pazza.
Vai farfallina e torna,
e torna a quest'aria
così fresca e bella.
Lo vedi che anche io
mi abbaglio piano piano
e che mi brucio la mano
per volerti mandar via?
 
Carulì', pe' nu capriccio,
tu vuó' fá scuntento a n'ato
e po', quanno ll'hê lassato,
tu, addu n'ato vuó' vulà.
 
Carolina, per un capriccio,
tu vuoi fare contento un altro
e poi, quando l'hai lasciato.
tu, da un altro vuoi volare.
 
Troppi core staje strignenno
cu sti mmane piccerelle.
Ma fernisce ca sti scelle
pure tu te puó' abbrucià.
 
Troppi cuori stai stringendo
con queste mani piccoline.
Ma finisce che queste ali
anche tu ti puoi bruciare.
 
Vatténn' 'a lloco.
…………………..
 
Vattene da lì.
………………
 
Torna, va', palomma 'e notte,
dint'a ll'ombra addó' si' nata,
torna a st'aria 'mbarzamata
ca te sape cunzulà.
 
Torna, vai, farfallina di notte,
nell'ombra dove sei nata,
torna a quest'aria imbalsamata
che ti sa consolare.
 
Dint' 'o scuro e pe' me sulo
'sta cannela arde e se struje,
ma ch'ardesse a tutt'e duje,
nun 'o ppòzzo suppurtà.
 
Nel buio e per me soltanto
questa candela arde e si strugge,
ma che bruci tutti e due,
non lo posso sopportare.
 
Vatténn' 'a lloco.
…………………..
Vattene da lì.
………………

2 commenti su “Palomma ‘e notte

  1. Queste erano “romanze” sono pilastri del nostro passato. Peccato che lentamente si perdono e; che non si fa nulla per rirsumarle. Il mio apprezzamento é al massimo. Grazie a tutti coloro che, sia nelle parole che nella musica la fanno rivivere.

  2. Palomma e notte cantata da quell’usignolo di Maria Nazionale è il massimissimo. Maria mi fai venire la pelle d’oca sei grande che il dio ti conserva questa ugola doro che hai,ti auguro tanti ma tanti successi ancora sei il massimo che oggi c’è a Napoli come cantante femminile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia