PALOMMA D'ORO


(Di Giacomo, Gagliardi – 1914)


 
Vola palomma ca mme vuole attuorno,
'nfacci'a sti llastre tuzzuléa cu 'e scélle.
Io nun 'a chiammo, ca mme metto scuorno. Tutte sti ppene meje, tu contancelle.
 
Vola farfalla che mi voli intorno,
su questi vetri bussa con le ali.
Io non la chiamo, perchè mi vergogno.
Tutte queste mie pene, tu raccontagliele.
 
Palomma d'oro.
Palomma d'oro,
vancéllo a dì
ca i' stóngo ccà.
 
Farfalla d'oro.
Farfalla d'oro,
vaglielo a dire,
che io sono qua.
 
Palomma d'oro.
Palomma d'oro,
famméll'ascì,
famme chiammà.
 
Farfalla d'oro.
Farfalla d'oro,
fammela uscire,
fammi chiamare.
 
Ll'ammore è nu serpente,
mózzeca doce doce.
Quanno è trasuto, è inutile,
niente ce puó' fà cchiù.
 
L'amore è un serpente,
morde dolcemente.
Quando è entrato, è inutile,
non puoi fare più niente.
 
Torna. Mme dice ll'acqua che cammina
pe' 'mmiez'a ll'erba, e tène d'oro ll'onne.
Torna. Che è bella, è geniale e fina.
Torna! Mme dice, e passa e s'annasconne.
 
Torna. Mi dice l'acqua che cammina
tra l'erba e ha le onde d'oro.
Torna. Che è bella, è geniale e fine.
Torna! Mi dice, e passa e si nasconde.
 
Palomma d'oro.
…………………
Farfalla d'oro.
………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia