PASSA 'A BANDIERA


(Lo Martire, E. A. Mario - 1928)


 
Passa 'a fanfarra e sona 'a marcia riale,
passano 'e bersagliere e 'o Triculore.
Vedenno 'e tre culure nazionale
ognuno sente 'a Patria dint' 'o core.
Tutt' 'e guagliune corrono,
sbattono forte 'e mmane,
e saje chi só'?
Só' 'e surdate 'e dimane.
 
Passa la fanfara e suona la marcia reale,
passano i bersaglieri e il Tricolore.
Vedendo i tre colori nazionali,
ognuno sente la Patria nel cuore.
Tutti i ragazzi corrono,
sbattono forte le mani,
e sai chi sono?
Sono i soldati di domani.
 
Passa 'a bandiera,
svèntola e va,
cuntenta e allèra
'o viento 'a fa.
E saje pecché
s'ha misa 'a nocca blummaré?
Passa 'a bandiera
e passa 'a Patria
e 'o rre.
 
Passa la bandiera,
sventola e va,
contenta e allegra
la rende il vento.
E sai perché
si è messa il fiocco blu mare?
Passa la bandiera
e passa la Patria
e il re.
 
Guarda, só' tre culure e só' stracciate,
gente e cadé e murì hanno viste assaje,
ma chille che 'a bandiera ha cummigliato,
só' muorte ca nun murarranno maje.
Tant'uommene salutano
cu 'a mano 'e bersagliere,
e saje chi só'?
Só' 'e suldate d'ajére.
 
Guarda, sono tre colori e sono stracciati,
hanno visto molta gente cadere e morire,
ma quelli che la bandiera ha avvolto,
sono morti che non moriranno mai.
Tanti uomini salutano
con la mano i bersaglieri,
e sai chi sono?
Sono i soldati di ieri.
 
Passa 'a bandiera,
……………………
 
Passa la bandiera,
……………………
 
N'ommo resta cu 'a capa cummigliata,
corre nu giuvinotto risuluto:
"E tu 'a bandiera nun ll'hê salutata?
Ch'è, nun 'a cride degna 'e nu saluto?"
Ma chillo scappa a chiagnere,
po' dice a 'sta minaccia:
"'O bbi' chi só'?
Ll'aggio dato 'e ddoje braccia".
 
Un uomo rimane con la testa piegata,
corre un giovanotto risaluto:
"E tu la bandiera non l'hai salutata?
Che c'è, non la ritieni degna di un saluto?"
Ma quello scappa a piangere,
poi dice a questa minaccia:
"Lo vedi chi sono?
Le ho dato tutte e due le braccia".
 
Passa 'a bandiera,
sventola e va,
cuntenta e allera
'o viento 'a fa.
E pure a me
mme sbatte 'o core e saje pecché?
Passa 'a bandiera
e passa 'a Patria
e 'o rre.
Passa la bandiera,
sventola e va,
contenta e allegra
la rende il vento.
E anche a me
mi sbatte il cuore e sai perché?
 Passa la bandiera
e passa la Patria
e il re.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia