PASSIONE


(Bovio, Tagliaferri, Valente – 1934)


 
Cchiù luntana mme staje,
cchiù vicina te sento.
Chisà a chistu mumento
tu a che pienze, che faje.
 
Più lontana mi stai,
più vicina ti sento.
Chissà in questo momento
tu a cosa pensi, cosa fai.
 
Tu mm'hê miso 'int' 'e vvéne
nu veleno ch'è doce.
Comme pesa 'sta croce
ca trascino pe'tté.
 
Tu mi hai messo nelle vene
un veleno che è dolce.
Come pesa questa croce
che trascino per te.
 
Te voglio, te penzo, te chiammo,
te veco, te sento, te sonno.
 
Ti voglio, ti penso, ti chiamo,
ti vedo, ti sento, ti sogno.
 
E' n'anno,
ce pienze ch'è n'anno,
ca st'uocchie nun ponno
cchiù pace truvà?
 
E' un anno
ci pensi che è un anno,
che questi occhi non possono
trovare più pace?
 
E cammino, cammino,
ma nun saccio addó' vaco.
I' stó' sempe 'mbriaco
e nun bevo maje vino.
 
E cammino, cammino,
ma non so dove vado.
Sono sempre ubriaco
e non bevo mai vino.
 
Aggio fatto nu vuto
â Madonna d' 'a neve,
si mme passa 'sta freve,
oro e perle lle dó'.
 
Ho fatto un voto
alla Madonna della neve,
se mi fa passare questa febbre,
oro e perle le do.
 
Te voglio, te penzo, te chiammo,
te veco, te sento, te sonno.
Ti voglio, ti penso, ti chiamo,
ti vedo, ti sento, ti sogno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia