PE' SEMPE


(1978 – P. De Rosa – V. Orabona)


 
Comm' 'a primma sera, párlame
e di' ca mme vuó' bene.
Giura: "Nun ce lassammo cchiù".
Vásame, nun mme fà cchiù suffrì.
 
Come la prima sera, parlami
e dimmi che mi vuoi bene.
Giura: Non ci lasciamo più".
Baciami, non mi fare più soffrire.
 
'Sta serata è cchiù doce,
'int' 'e bbraccia i' te strégno
e vasà chesta vócca i' te voglio.
Nun 'o ssiente ca mo
só' felice pecché
'nziem'a me restarraje pe' sempe?
 
Questa sera è più dolce,
tra le braccia ti stringo
e voglio baciarti questa bocca.
Non lo senti che ora
sono felice perchè
insieme a me rimarrai per sempre?
 
Tutto chello ch'hê fatto tu a me,
chesta sera, mme voglio scurdà.
Sento già, dint' 'e vvéne, ca tu
si' n'ammore ca nun pò fernì
e 'sta gioja mme pò fà 'mpazzì.
 
Tutto quello che hai fatto tu a me,
questa sera, mi voglio dimenticare.
Sento già, nelle vene, che tu
sei un amore che non può finire
e questa gioia mi può fare impazzire.
 
Tutt' 'a vita accussì,
abbracciato cu'tté.
Si putesse fermà stu mumento…
Mme vulesse addurmì,
doce doce sunnà
e vasà chesta vocca pe' sempe.
Tutta la vita così,
abbracciato con te.
Se potessi fermare questo momento…
Mi vorrei addormentare,
dolcemente sognare
di baciare questa bocca per sempre.

2 commenti su “Pe’ sempe

  1. una canzone fantastica ed emozionante..
    (la cantava mio padre visto che era fondatore di un gruppo musicale e vocalist, chiamato i nobili, anni 80)… incantevole e lo è ancora, purtroppo lui non è più ci ha lasciato nel 90 alla giovane età di 46 anni……………………

  2. l’ascolto, ed il mio pensiero va a lui…………..
    grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia