PE' SEMPE


(1978 – P. De Rosa – V. Orabona)


 
Comm' 'a primma sera, párlame
e di' ca mme vuó' bene.
Giura: "Nun ce lassammo cchiù".
Vásame, nun mme fà cchiù suffrì.
 
Come la prima sera, parlami
e dimmi che mi vuoi bene.
Giura: Non ci lasciamo più".
Baciami, non mi fare più soffrire.
 
'Sta serata è cchiù doce,
'int' 'e bbraccia i' te strégno
e vasà chesta vócca i' te voglio.
Nun 'o ssiente ca mo
só' felice pecché
'nziem'a me restarraje pe' sempe?
 
Questa sera è più dolce,
tra le braccia ti stringo
e voglio baciarti questa bocca.
Non lo senti che ora
sono felice perchè
insieme a me rimarrai per sempre?
 
Tutto chello ch'hê fatto tu a me,
chesta sera, mme voglio scurdà.
Sento già, dint' 'e vvéne, ca tu
si' n'ammore ca nun pò fernì
e 'sta gioja mme pò fà 'mpazzì.
 
Tutto quello che hai fatto tu a me,
questa sera, mi voglio dimenticare.
Sento già, nelle vene, che tu
sei un amore che non può finire
e questa gioia mi può fare impazzire.
 
Tutt' 'a vita accussì,
abbracciato cu'tté.
Si putesse fermà stu mumento…
Mme vulesse addurmì,
doce doce sunnà
e vasà chesta vocca pe' sempe.
Tutta la vita così,
abbracciato con te.
Se potessi fermare questo momento…
Mi vorrei addormentare,
dolcemente sognare
di baciare questa bocca per sempre.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia