PECCHE'?


(Pennino, De Flavis – 1913)


 
Canta ll'auciello dint' 'a casa antica
addó' primma cantave pure tu.
E sento pure 'a voce 'e n'ata amica
ca mme cunziglia 'e nun te penzà cchiù.
 
Canta l'uccello nella casa antica
dove prima cantavi anche tu.
E sento anche la voce di un'altra amica
che mi consiglia di non penarti più.
 
Carmè',
si aggio lassato a mamma mia pe' te,
si t'hê pigliato 'a primma giuventù,
pecché
nun tuorne a me?
 
Carmela,
se ho lasciato mia madre per te,
se ti sei presa la prima giovinezza,
perchè
non torni da me?
 
Mme pare ca è cagnata 'sta fenesta
'a dó' vuttaste 'o primmo sciore a me.
E n'ata rosa, 'a dint'a n'ata testa,
mo mme cunziglia 'e nun penzà cchiù a te.
 
Mi sembra che sia cambiata questa finestra
da dove buttasti il primo fiore a me.
E un'altra rosa, in un'altra testa,
mi consigli di non pensare più a te.
 
Carmè',
……….
 
Carmela,
…………
 
E passa 'a notte, passa 'o juorno, 'a sera,
ma stu turmiento mio nun vò' passà.
Passa pure 'sta luna che è sincera
si mme cunziglia sempe 'e te scurdà.
 
E passa la notte, passa il giorno, la sera,
ma questo mio tormento non vuole passare.
Passa anche questa luna che è sincera
se mi consiglia sempre di dimenticarti.
 
Carmè',
……….
Carmela,
…………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia