PER PIANOFORTE E LACRIME


(T. Apicella)


 
Sàglieno, amare, 'int'a ll'aria,
note pittate 'e culore.
Cu na speranza 'int' 'o core,
mme metto a sunà.
 
Salgono, amare, nell'aria,
note dipinte di colore.
Con una speranza nel cuore,
mi metto a suonare.
 
Nu bicchiere 'e whisky,
'o pianoforte e chesta luna
mm'hanno gelato 'o sango dint' 'e vvéne
e mo, mo sòno pe' te chesta canzone
cu na lusinga ca mme fa campà.
 
Un bicchiere di whisky,
il pianoforte e questa luna
mi hanno gelato il sangue nelle vene
e ora, ora suono per te questa canzone
con un'illusione che mi fa campare.
 
Chesta canzone che piaceva a te,
ch'accarezzava ll'anema.
'A stó' sunanno io sulo 'e senza 'e te,
pecché fa bene chiagnere.
Aggio sbagliato, nun ce vò' pietà,
t'aggio vuluto perdere.
Se dice ca chi sbaglia ha da pavà
e stó' pavanno già.
E chiagne, chiagne pure 'o pianoforte,
pare ca se lamenta sott' 'e mmane,
pur'isso se lusinga ca, dimane,
tu arape 'a porta e tuorne 'mbracci'a me.
Mo désse 'a vita mia pe' te vedé,
ma nun tengo cchiù lacreme.
E chesta è n'ata notte senza 'e te,
senza 'e te.
 
Questa canzone che ti piaceva,
che accarezzava l'anima.
La sto suonando io solo e senza di te,
perchè fa bene piangere.
Ho sbagliato, non ci vuole pietà,
ti ho voluto perdere.
Si dice che chi sbaglia deve pagare
e sto pagando già.
E piange, piange anche il pianoforte,
sembra che si lamenti sotto le mani,
anche lui si illude che, domani,
tu apri la porta e torni tra le mie braccia.
Ora darei la mia vita per vederti,
ma non ho più lacrime.
E questa è un'altra notte senza di te,
senza di te.
 
Tanno s'apprezza nu bene,
quanno ll'avimmo perduto.
Io, ca nun ll'aggio capito,
mo chiagno pe'tté.
 
In quel momento si apprezza un bene,
quando l'abbiamo perso.
Io, che non l'ho capito,
ora piango per te.
 
T'arricuorde?
T'arricuorde
quanno mme dicive cuntinuamente:
"Te voglio bene",
"Te voglio bene".
E i' nun aggio maje capito niente.
Maje. Maje.
 
Ti ricordi?
Ti ricordi
quando mi dicevi continuamente:
"Ti voglio bene",
"Ti voglio bene".
E io non ho capito niente.
Mai. Mai.
 
Chesta è 'a canzone che piaceva a te,
…………………………………………….
Questa canzone che ti piaceva,
…………………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia