PIGLIATE 'NA PASTIGLIA


(Nisa, Carosone – 1958)


 
Io cammino ogne notte,
io cammino sbarianno,
io nun tengo maje suonno,
nun chiudo maje ll'uocchie
e nun bevo cafè.

Va' te cócca, siente a me.
Va' te cócca, siente a me.

 
Io cammino ogni notte,
io cammino sbraitando,
io non ho mai sonno,
non chiudo mai gli occhi
e non bevo caffè.

Vai a letto, ascoltami.
Vai a letto, ascoltami.

 
Na perziana ca sbatte,
nu lampione ca luce
e nu 'mbriaco ca dice,
bussanno a na porta:
"Mm'arape, Cuncè'?"
'A tre mise nun dormo cchiù,
na vucchella vurrìa scurdà,
gente, diciteme, comm'aggi' 'a fà?

Pìgliate na pastiglia.
Pìgliate na pastiglia,
siente a me.

 
Una persiana che sbatte,
un lampione che fa luce
e un ubriaco che dice,
bussando ad una porta:
"Mi apri, Concetta?"
Da tre mesi non dormo più,
una boccuccia vorrei dimenticare,
gente, ditemi, come devo fare?

Prenditi una pastiglia.
Prenditi una pastiglia,
ascoltami.

 
Pe' mme fà addurmì,
pe' mme fà scurdà
il mio dolce amor.

Pìgliate na pastiglia.
Pìgliate na pastiglia,
siente a me.


Pe' mme fà sentì
come un gran pascià
e mm'inebria il cuor.
 
Per farmi addormentare,
per farmi dimenticare
il mio dolce amor.

Prenditi una pastiglia.
Prenditi una pastiglia,
ascoltami.


Per farmi sentire
come un gran pascià
e mi inebria il cuor.
 
Dint' 'e vvetrine 'e tutt' 'e farmaciste,
la vecchia camomilla ha dato il posto
alle palline 'e glicerofosfato,
bromotelevisionato,
grammi: zero, zero, tre.
Ah.

Pìgliate na pastiglia,
siente a me.

 
Nelle vetrine di tutte le farmacie,
la vecchia camomilla ha lasciato il posto
alle palline di glicerofosfato.
bromotelevisionato,
grammi: zero, zero, tre.
Ah.

Prenditi una pastiglia.
ascoltami.

 
Dint' 'o scuro na gatta,
mastecanno na sarda,
doce doce mme guarda,
mme guarda, se struscia,
miagola e fa:

"Siente a me, vatte a cuccà".
"Siente a me, vatte a cuccà".

 
Nel buio una gatta,
masticando una sardina,
dolcemente mi guarda,
mi guarda, si struscia,
miagola e fa:

"Ascoltami, vai a letto".
"Ascoltami, vai a letto".

 
Só' nu ciuccio 'e carretta,
carrecato d'ammore
ca se tira stu core,
stu core ca cerca
la felicità.
'A tre mise nun dormo cchiù,
na vucchella vurrìa scurdà,
gente, diciteme, comm'aggi' 'a fà?

Pígliate na pastiglia.
……………………..

 
Sono un asino da carretta,
caricato d'amore
che si traina questo cuore,
questo cuore che cerca
la felicità.
Da tre mesi non dormo più,
una boccuccia vorrei dimenticare,
gente, ditemi, come devo fare?

Prenditi una pastiglia.
………………………..

 
Dint' 'e vvetrine 'e tutt' 'e farmaciste,
la vecchia camomilla ha dato il posto
alle palline 'e glicerofosfato,
bromotelevisionato,
diddittì, bicarbonato,
borotalco e seme 'e lino,
cataplasma e semolino,
na custata â fiorentina,
mortadella e duje panine
cu nu miezu litro 'e vino,
nu caffé con caffeina,
grammi: zero, zero, tre.
Ah.

Pìgliate na pastiglia,
siente a me.
Nelle vetrine di tutte le farmacie,
la vecchia camomilla ha lasciato il posto
alle palline di glicerofosfato,
bromotelevisionato,
ddt, bicarbonato,
borotalco e semi di lino,
cataplasma e semolino,
una costata alla fiorentina,
mortadella e duo panini
con mezzo litro di vino,
un caffè con caffeina,
grammi: zero, zero, tre.
Ah

Prenditi una pastiglia.
ascoltami.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia