PISCATORE 'E PUSILLECO


(E. Murolo, Tagliaferri – 1925)


 
Piscatore 'e stu mare 'e Pusilleco
ch'ogne notte mme siente 'e cantà.
Piscató', sti pparole só' lacreme
pe' Maria ca luntana mme sta.
 
Pescatore di questo mare di Posillipo
che ogni notte mi senti di cantare.
Pescatore, queste parole sono lacrime
per Maria che è lontana.
 
Dorme 'o mare, voca, voca.
Tutt'è pace attuorno a me.

Ma pecché,
ma pecché mm'hê lassato,
mentr'io moro, stanotte, pe'tté?
 
Dorme il mare, rema, rema.
Tutto è pace intorno a me.

Ma perchè,
ma perchè mi hai lasciato,
mentre io muoio, stanotte, per te?
 
Casarella d' 'o Capo 'e Pusilleco,
spónta 'a luna e te vène a vasà.
Quanta notte aggio perzo guardànnote,
quanta juorne aggio visto schiarà.
 
Casetta del Capo di Posillipo,
spunta la luna e ti viene a baciare.
Quante notti ho perso guardandoti,
quanti giorni ho visto cominciare.
 
Dorme 'o mare, voca, voca.
………………………………..
 
Dorme il mare, rema, rema.
……………………………….
 
Zitto oje core, ca 'nterra Pusilleco,
veco n'ombra ca segno mme fa.
Na manélla e na voce mme chiàmmano.
Fra sti bbracce Maria vò' turnà.

Dorme 'o mare, oje bella viene.
'Ncielo 'a luna saglie e va.
 
Zitto oh cuore, che a Posillipo
vedo un'ombra che mi fa segno.
Una manina e una voce mi chiamano.
Tra queste braccia Maria vuol tornare.

Dorme il mare, oh bella vieni.
In cielo la luna sale e va.
 
Vita mia,
vita mia mme vuó' bene?
Ca si è suonno nun farme scetà.

Dorme 'o mare, voca, vo'.
Vita mia,
vita mia mi vuoi bene?
Che se è un sogno non farmi svegliare.

Dorme il mare, rema, rema.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia