POPOLO PO'


(E. Murolo, Tagliaferri – 1917)


 
For' 'e llogge, addurose 'e mellone,
lampiunciélle e garsèlle appicciate,
mo ch'è 'o tiempo d' 'e bbelli ccanzone,
comm'a primma ve voglio vedé.
 
Fuori dalle terrazza, profumate di melone,
lampioncini e lampade a petrolio accese,
ora che è il tempo delle belle canzoni,
come prima vi voglio vedere.
 
Napule, n'ora 'e gusto e ciente 'e guaje,
bella città.
Ride, ce véve 'a coppa e campa assaje,
ca ll'aria 'o ddà.
Stasera, cu 'a figliola che ce attocca,
popolo, pò'.
A musso a musso, azzicco azzicco, oje vócca,
tu che ne vuó'?
 
Napoli, un'ora di gusto e cento di guai,
bella città.
Ridi, ci bevi sopra e campi tanto,
perchè l'aria lo permette.
Stasera, con la ragazza che ci spetta,
popolo, pò'.
Bocca a bocca, vicino vicino, oh bocca,
tu che vuoi di più?
 
Sporte 'e fiche cu 'e giglie annuccate,
bancarelle 'e nanasse addurose,
maruzzare1 cu 'e vvoce 'ntunate
nuje vulimmo vederve e sentì.
 
Ceste di fichi con i gigli infiocchettati,
bancarelle di ananas profumate,
maruzzare1 con le voci intonate
noi vogliamo vedervi e sentire.
 
Mamma cu 'o ruoto sotto 'e mulignane,
chi 'a vótt' 'a ccà.
Nénna cu 'o quarticiello cu 'e ppatane,
chi 'a vótt''a llà.
Stasera, cu 'a figliola che ce attocca,
popolo, pò'.
A musso a musso, azzicco azzicco, oje vócca,
tu che ne vuò'?
 
La mamma con la pentola sotto le melanzane,
chi la butta di qua.
La bambina con il capretto con le patate,
chi la butta di là
Stasera, con la ragazza che ci spetta,
popolo, pò'.
Bocca a bocca, vicino vicino, oh bocca,
tu che vuoi?
 
Schiara juorno, trummètte sfiatate,
gente stracqua, sudata e sbattuta,
('ncopp' 'e mmazze ll'appése2 attaccàte)
morta 'e suonno, ma bella a vedé.
 
Fa giorno, trombette senza fiato,
gente stanca, sudata e distrutta,
(sui bastoni le appese2 attaccate)
morta di sonno, ma bella da vedere.
 
Duorme ca 'o sole sponta e addorme 'e guaje,
Napule, Na'.
Vívece 'a coppa, ride e campe assaje,
ca ll'aria 'o ddà.
Sunnàmmoce 'a figliola che ce attocca,
popolo, pò'.
A musso a musso, azzicco azzicco, oje vócca,
tu che ne vuó'?
Dormi che il sole spunta e addormenta i guai,
Napoli, Na'.
Vivici sopra, ridi e vivi tanto,
che l'aria lo permette.
Sognamoci la ragazza che ci spetta,
popolo, pò'.
Bocca a bocca, vicino vicino, oh bocca,
tu che vuoi?


1 Venditrici di lumache.
2 L'appesa era il premio che dovevano raggiungere coloro che si apprestavano a scalare il palo della cuccagna.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia