POVERA SANTA


(Bonagura, Cioffi – 1936)


 
Fiore amaranto,
stu core cantava cuntento:
"'A voglio bene e mme vò' bene tanto".
Già steva pronta 'a casa, 'na casarella rosa.
Già te vedevo, oje bella,
dint' 'a cchiesa
vestuta 'a sposa.
 
Fiore amaranto,
questo cuore cantava contento:
"Le voglio bene e mi vuol bene tanto".
Già era pronta la casa, una casetta rosa.
Già ti vedevo, oh bella,
nella chiesa
vestita da sposa.
 
Pecché te ne si' ghiuta?
Pecché te ne si' ghiuta?
Ah, scellarata.

Da quanno mm'hê lassato,
chist'uocchie nun reposano na vota.
Ched'è na vota.
 
Perchè te ne sei andata?
Perchè te ne sei andata?
Ah, scellerata.

Da quando mi hai lasciato,
questi occhi non riposano una volta.
Cos'è una volta.
 
Frunnélla 'e rosa,
mo chiagne cu ll'uocchie annascuse
'sta vicchiarella mia, ca nun reposa.
E pe' mme fà cuntento,
quanta buscìe mme conta.
Nun ne diceva maje,
povera santa.
E mo mm' 'e cconta.
 
Petalo di rosa,
ora piange con gli occhi nascosti
questa mia vecchia, che non riposa.
E per farmi contento,
quante bugie mi racconta.
Non ne diceva mai,
povera santa.
E ora me le racconta.
 
Pecché te ne si' ghiuta?
Pecché te ne si' ghiuta?
Ah, scellarata.

Da quanno mm'hê lassato,
'sta freva nun mme lassa maje na vota.
Manco na vota.
 
Perchè te ne sei andata?
Perchè te ne sei andata?
Ah, scellerata.

Da quando mi hai lasciato,
questa rabbia non mi lascia mai una volta.
Neanche una volta.
 
Fiore turchino,
io saccio ca viene dimane,
'o ppenzo, 'o ssaccio ca dimane viene.
E' nu presentimento
ca mme fa bene tanto.
Ma che malincunia
si 'o sole sponta
inutilmente.
 
Fiore turchino,
io so che arrivi domani,
lo penso, lo so che domani arrivi.
E' un presentimento
che mi fa bene tanto.
Ma che malinconia
se il solo spunta
inutilmente.
 
Pecché te ne si' ghiuta?
Pecché te ne si' ghiuta?
Ah, scellarata.

Si tuorne nu minuto,
chist'uocchie s'arreposano na vota,
ll'ùrdema vota.

Povera vecchia mia, povera santa.
Perchè te ne sei andata?
Perchè te ne sei andata?
Ah, scellerata.

Se torni un minuto,
questi occhi si riposano una volta,
l'ultima volta.

Povera vecchia mia, povera santa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia