POVERO GUAPPO


(Bovio, Albano – 1926)


 
Pàccare amare e rasulate 'nfaccia,
chist'è ll'ammore 'e vasci'â Sanità1.
Tu nun si' 'o tipo ca mme cade 'mbraccia
si nun te faccio
chello ca maje t'aggio vuluto fà.
 
Schiaffi amari e rasoiate in faccia,
questo è l'amore alla Sanità1.
Tu non sei il tipo che mi cade tra le braccia
se non ti faccio
quello che mai ti ho voluto fare.
 
E pure ca te faccio a tanto 'o piezzo,
tengo 'o certificato ca só' pazzo.

Fronn' 'e viola,
mm'aggio fatto affilà pure 'o rasulo
e nun te dico cchiù meza parola.
 
E anche se ti faccio a pezzi,
ho il certificato che sono pazzo.

Petalo di viola,
mi sono fatto affilare anche il rasoio
e non ti dico più mezza parola.
 
Sciore 'e granato,
i' tanno stó' buonissimo in salute,
quanno stó' duje o tre anne carcerato.

Uommene guappe2 'e stu quartiere mio,
ve voglio tuttuquante contr'a me.
'O guappo, 'mmiez'ê guappe, só' sul'io,
só' carne 'e guaje,
'mmiez'ê malevivente songo 'o rre.
 
Fiore di melograno,
io allora sto benissimo di salute,
quando sto due o tre anni carcerato.

Uomini guappi2 di questo quartiere mio,
vi voglio tutti contro di me.
Il guappo, tra i guappi, sono solo io,
sono fatto per i guai,
tra i malviventi sono il re.
 
Stanotte porto 'e suone 'mpunt'a ll'una,
sbattite 'e mmane pure quanno stòno.

Fronn' 'e murtella,
i' voglio dà tremila feste 'e ballo
si 'a 'nnammurata mia more zetèlla.

Fronn' 'e limone,
io 'a giudico na meza culumbrina
ca pe' me sulo more 'e passione.
 
Stanotte porto i suoni sulla luna,
applaudite anche quando stono.

Foglia di mirtillo,
io voglio dare tremila festa da ballo
se la mia fidanzata muore zitella.

Foglia di limone,
io la giudico un po' frivola
che solo per me muore di passione.
 
Vuje ca facite ll'opere 'e triato,
quanno 'e screvite 'e dramme 'ncuollo a me?
Mettítece nu guappo sfurtunato,
miezo 'mpazzuto
ca chiagne zitto e nun se fa vedé.

Facitece trasì sempe pe' dinto,
na mamma vecchia vecchia e cummuventa.
Voi che fate le opere di teatro,
quando li scrivete i drammi su di me?
Metteteci un guappo sfortunato,
mezzo impazzito
che piange in silenzio e non si fa vedere.

Fateci stare sempre dentro,
una mamma vecchia vecchia e commovente.


1 Quartiere di Napoli. 2 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia