PREGHIERA 'E MARENARO


(G. Russo, T. Iglio – 1971)


 
Tante ne voglio fà lacreme amare,
fino a che spezzo 'e vvéne 'e chistu core.
Voglio ca 'sta preghiera 'e marenaro,
stu chianto mio, t' 'a porta fino a fore.
 
Tante ne voglio fare di lacrime amare,
fino a spezzare le vene di questo cuore.
Voglio che questa preghiera di marinaio,
questo mio pianto, te la porti lontano.
 
Miette vela e tornaténne,
che faje cchiù luntana 'a me?
Tutt' 'e juorne stó' murenno,
chianu chiano, senza 'e te.
 
Metti la vela e ritorna,
cosa fai ancora lontana da me?
Tutti i giorni sto morendo,
piano piano, senza di te.
 
Si sbagliaje te cerco scusa,
sulo tu mme puó' salvà.
E menasse 'a primma preta
chi peccate nun ne fa.
 
Se ho sbagliato ti chiedo scusa,
solo tu mi puoi salvare.
E buttasse la prima pietra
chi peccati non ne fa.
 
Stu mare ca fa ll'uommene sincere,
e sape 'e chesti llacreme 'o sapore,
te sta purtanno ll'eco 'e 'sta preghiera
pe' te fà riturnà 'ncopp'a stu core.
 
Questo mare che fa gli uomini sinceri,
conosce di queste lacrime il sapore,
ti sta portando l'eco di questa preghiera
per farti ritornare su questo cuore.
 
Miette vela e tornaténne,
……………………………..
Metti la vela e ritorna,
…………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia