PRESENTIMENTO


(E. A. Mario – 1918)


 
Si tu mme vide chiagnere
quanno stó' 'mbracci'a te,
si tu te siente stregnere
cchiù forte ê vvote, nun 'o ssaje pecché?
Saccio ca t'aggi' 'a perdere,
sento ca t'alluntane,
ca tu te ne puó' ghì primma 'e dimane
pe' nun turnà cchiù a me.
 
Se tu mi vedi piangere
quando sono tra le tue braccia,
se ti senti stringere
più forte a volte, non lo sai perchè?
So che ti devo perdere,
sento che ti allontani,
che te ne puoi andare prima di domani
per non tornare più da me.
 
E tanno mme faje chiagnere,
tanno mm'attacco a te
cchiù forte 'e ll'èllera.
Ll'èllera? E, comm'a ll'èllera,
vurrìa murì cu'tté, accussì.
 
E allora mi fai piangere,
allora mi attacco a te
più forte dell'edera.
L'edera? E, come l'edera,
vorrei morire con te, così.
 
E i' dico: "E' ben inutile
si è destinato già.
Core ca s'hann' 'a spàrtere
nisciuna cosa 'e ppò cchiù avvicinà".
Cchiù 'e bbraccia te 'ncatenano,
cchiù 'o core dice:"Addio".
Ah, comm'è scuro stu destino mio
pe' 'sta fatalità.
 
E dico: "E' inutile
se è destinato già.
Cuori che si devono dividere
nessuna cosa li può più avvicinare".
Più le braccia t'incatenano,
più il cuore dice "Addio".
Ah, com'è scuro questo mio destino
per questa fatalità.
 
E nun te saccio dicere
pecché mm'attacco a te
cchiù forte 'e ll'èllera.
Ll'èllera? Ah, fosse ll'èllera.
Putrìa murì cu'tté, accussì.
 
E non ti so dire
perchè mi attacco a te
più forte dell'edera.
L'edera? E, come l'edera,
potrei morire con te, così.
 
Dimme, e si 'e ffronne tornano
ca uttombre fa cadé,
si tutto torna a nascere,
qua' primmavera ce pò stà pe'mmé?
Cchiù 'o core è stracquo 'e chiagnere,
cchiù 'nnammurato 'o sento.
Si mo ce sparte stu presentimento,
pecché mm'attacco a te?
 
Dimmi, e se tornano le foglie
che ottobre fa cadere,
se tutto torna a nascere,
quale primavera ci può essere per me?
Più il cuore è stanco di piangere,
più innamorato lo sento.
Se ora ci divide questo presentimento,
perchè mi attacco a te?
 
E' ammore? E' ammore. E abbracciame,
comm'io t'abbraccio,
e sóngo peggio 'e ll'èllera.
Ll'èllera. I' sóngo ll'èllera.
Voglio murì, cu'tté, accussì.
E' amore? E' amore. Abbracciami,
come io ti abbraccio,
e sono peggio dell'edera.
L'edera? Io sono l'edera.
Voglio morire con te, così.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia