PRIGGIUNIERO 'E GUERRA


(Manlio, E. A. Mario – 1933)


 
Mme sóngo ricurdato 'a strada e 'o nummero
e aggio truvato 'a porta comm'a quanno,
da 'o lunnerì a matina fin'ô sabato,
passavo 'e ssettimane faticanno.
 
Mi sono ricordato la strada e il numero
e trovato la porta come quando,
dal lunedì mattina fino al sabato,
passavo le settimane lavorando.
 
Felicitá ca mm'aspettave â sera,
duje figlie piccerille, na mugliera.
Mo só' sagliuto e, invece, aggio truvato
vicino â porta, scritto 'o nomme 'e n'ato.
 
Felicità che mi aspettava alla sera,
due figlie piccole, una moglie.
Ora sono salito e, invece, ho trovato
vicino alla porta, scritto il nome di un altro.
 
E mme só' 'ntiso 'e dicere:
"Chella ca vuje cercate nun sta ccà,
ca rimanette vedova,
ma doppo, s'è turnata a 'mmaretà".

E io sóngo 'o muorto ch'è turnato a nascere,
no 'o priggiuniero asciuto a libertà.
 
E mi sono sentito dire:
Quella che voi cercate non è qua,
rimase vedova,
ma dopo, si è sposata di nuovo.

E io sono il morto che è rinato,
ora il prigioniero uscito in libertà.
 
Ah, comme ce tenive a restà vedova
tu ca dicive: "'Ammore, quann'è ammore,
dura n'eternità, cchiù forte 'e ll'edera.
Nemmeno 'a morte spartarrà sti core".
 
Ah, come ci tenevi a rimanere vedova
tu che dicevi: "L'amore, quando è amore,
dura un'eternità, più forte dell'edera.
Nemmeno la morte dividerà questo cuore".
 
E invece 'a guerra è stata assaje cchiù forte.
'A guerra è stata, è stata pe'mmé 'a morte.
St'ammore ch'era eterno, ll'ha spezzato,
mo i' só' n'estraneo e tu 'a mugliera 'e n'ato.
 
E invece la guerra è stata molto più forte.
La guerra è stata, è stata per me la morte.
Questo amore che era eterno, l'ha spezzato,
ora sono estraneo e tu la moglie di un altro.
 
Meglio a restà in Siberia,
senza sapé ch'era succieso ccà.
Desideravo Napule
e nu penziero mme diceva "va'".

E só' turnato a dì:
"Io mo só' libero".
Ma a che mme giova chesta libertà.
 
Meglio rimanere in Siberia,
senza sapere cos'era successo qua.
Desideravo Napoli
e un pensiero mi diceva "Vai".

E sono ritornato a dire:
"Io ora sono libero".
Ma a cosa mi serve questa libertà.
 
No!'Nnanz'ê figlie mieje tu nun hê'a chiagnere,
se pò accuncià stu fatto e sacc'io comme.
Ll'ommo songh'i', songh'io ca mme sacrifico,
ll'ommo ch'ha perzo tutto,'a casa e'o nomme.
 
No! Davanti ai miei figli non devi piangere,
si può aggiustare questa cosa e so io come.
L'uomo sono io, sono io che mi sacrifico,
l'uomo che ha perso tutto, la casa e il nome.
 
Si lloro te dicessero:
"Fance cuntente, pàrlace 'e papà"
dincello: "Era nu giovane
ca maje nun se stancava 'e faticà.

Po' jette 'nguerra
e nun turnaje cchiù a Napule".
Di' 'sta buscìa ch'è cchiù d' 'a verità.
 
Se loro ti dicessero:
"Facci felici, parlaci di papà"
diglielo: "Era un giovane
che mai si stancava di lavorare.

Poi andò in guerra
e non tornò più a Napoli".
Di' questa bugia che è più della verità.
 
Da ogge in avanti, chesto ce 'o ppuó' dicere,
ca ll'ombra mia risponne: "E' verità".
Da oggi in avanti, quanto glie lo puoi dire,
perchè la mia ombra risponde: "E' verità".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia