PRIMMA, SICONDA E TERZA


(Pisano, E. A. Mario – 1932)


 
'A primma vota ca t'aggio 'ncuntrata
è stato dint' 'o trammo d' 'a Turretta1.
Tu proprio 'e faccia a me stive assettata,
io, mm'avevo 'ncignata na paglietta.
 
La prima volta che ti ho incontrata
è stato nel tram della Torretta1.
Tu proprio di fronte a me eri seduta,
io, mi ero messo un cappello di paglia.
 
Tu mme guardaste,
io te guardaje.
Tu suspiraste,
io suspiraje.
Scenniste,
scennètte.
Sagliste,
sagliètte.
 
Tu mi guardasti,
io ti guardai.
Tu sospirasti,
io sospirai.
Scendesti,
scesi.
Salisti,
Salii.
 
Così, dopo nemmeno mezz'oretta,
benedicette 'o trammo d' 'a Turretta.

Po', n'ata vota ca t'aggio 'ncuntrata,
è stato verso 'e qquatto, ô Chiatamone2.
Stavi elegante, tutta intolettata.
Diciste: "Me l'offrite nu spumone?"
 
Così, dopo nemmeno mezz'oretta,
benedissi il tram della Torretta.

Poi, un'altra volta che ti ho incontrata,
E' stata verso le quattro, al Chiatamone2.
Eri elegante, tutta truccata.
Dicesti: "Me lo offrite uno spumone?"
 
"Troppo onorato".
E te 'mmuccaste.
"Mm''o piglio n'ato?"
E t' 'o pigliaste.
Asciste,
Ascètte.
Sagliste,
sagliètte.
 
"Troppo onorato"
E ti acchiappai.
"Me lo prendo un altro?"
E te lo presi.
Uscisti,
Uscii.
Salisti,
Salii.
 
Doppo tre ore, ascètte da 'o purtone,
benedicenno 'a strada ô Chiatamone.

'A terza vota ca t'aggio 'ncuntrata,
è stato dint' 'a Chiesa ô Viscuvato.
Vicino a me tu stive addenucchiata.
Io stevo proprio brutto cumbinato.
 
Dopo tre ore, uscii dal portone,
benedicendo la strada al Chiatamone.

La terza volta che ti ho incontrata,
è stata nella Chiesa al Vescovato.
Vicino a me tu stavi inginocchiata.
Io ero proprio messo male.
 
Dicette il prete:
"Sposatum est".
Fra me pensai:
"'Nguajatum est".
Asciste,
ascètte.
Sagliste,
sagliètte.
 
Disse il prete:
"Sposatum est".
Fra me pensai:
"'In guaium est".
Uscisti,
Uscii.
Salisti,
salii.
 
Ma 'o juorno appriesso,
nèh che fa? Mme lassa.
E se ne fuje cu tutt' 'o fondo 'e cassa.

Mo só' zitello e maritato,
senza mugliera e disperato.
Stó' ghiènno,
venènno,
sagliènno,
scennènno.

Ce refunnètte pure duje spumone.
Mannaggia 'o trammo,
Turretta e Chiatamone.
Ma il giorno dopo,
neh cosa fa? Mi lascia.
E scappa con tutti i soldi.

Ora sono scapolo e sposato,
senza moglie disperato.
Sto andando,
venendo,
salendo,
scendendo.

Ci rimisi anche due spumoni.
Mannaggia al tram,
Torretta e Chiatamone.


1 Via Torretta, località in cui il tram faceva capolinea. 2 Via di Napoli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia