PULECENELLA


(Parente, Pellegrino – 1954)


 
Eccomi qua,
Napule amata, Napule bella.
Eccomi qua.
Mo ll'abballammo 'sta tarantella.
Scusate si 'o fantasma d' 'o ppassato,
'mpruvvisamente ccà s'è appresentato.
"Si può, si può?"
"Chi si'?"
"Chi só'? Pulecenella".
 
Eccomi qua,
Napoli amata, Napoli bella.
Eccomi qua.
Ora la balliamo questa tarantella.
Scusate se il fantasma del passato,
improvvisamente qua si è presentato.
"Si può, si può?"
"Chi sei?"
"Chi sono? Pulcinella"
 
Stasera ch'è'a serata d' 'e ccanzone,
mettimmo 'a samba 'mmiez'ê manduline
e po' cantammo sott'a nu balcone:
"Fronne 'e limone…".
Io chiagno e só' cuntento,
cuntento 'e tutt' 'o chianto
ca scenne 'a sott' 'a maschera
pe' 'sta felicità.
Jammo, abballammo.
Gente gè',
abballate cu'mmé.
Tarantè'.
Tarantè.
Tarantè'.
 
Stasera che è la serata delle canzoni,
mettiamo la samba tra i mandolini
e poi cantiamo sotto a un balcone:
"Foglie di limone…"
Io piango e sono contento,
contento di tutto il pianto
che scende da sotto la maschera
per questa felicità.
Andiamo, balliamo.
Gente, gente,
ballate con me.
Tarantella.
Tarantella.
Tarantella.
 
E' samba, sì.
Mme smove 'e ggambe 'sta sambetella.
E' samba, sì.
Ll'abballa pure 'sta lucianella1.
E' overo, tutt' 'e ddanze só' cagnate,
ma sóngo sempe 'e stesse 'e 'nnammurate.
State a sentì
che ve vò' dì Pulecenella.
 
E' samba, sì.
Mi smuove le gambe questa samba.
E' samba, sì.
La balla anche questa Luciana1.
E' vero, tutte le danze sono cambiate,
ma sono sempre le stesse degli innamorati.
State a sentire
cosa vi vuol dire Pulcinella.
 
Stasera ch'è 'a serata d' 'e ccanzone,
……………………………………………
 
Stasera che è la serata delle canzoni,
…………………………………………..
 
E mo Pulecenella
se sperde 'mmiez'â folla,
se sperde felicissimo 'e ve vedé abballà
na tarantella.
Gente gè',
nun chiagnite cu'mmé.
Tarantè'.
Tarantè'.
Tarantè'.
E ora Pulcinella,
si disperde tra la folla,
si disperde felicissimo di vedervi ballare
una tarantella.
Gente, gente,
non piangete con me.
Tarantella.
Tarantella.
Tarantella.


1 Le Luciane sono le donne di Santa Lucia, delle quali, in molte poesie e canzoni, veniva celebrata la bellezza.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia