PUPATELLA


(Bovio, Buongiovanni – 1916)


 
Quanto ve prego, continuate,
chest'è 'a serata d' 'e ttarantelle.
State abballanno? E abballate,
ca nun mme 'mporta 'e niente
mo ca, 'mpruvvisamente,
só' asciuto a libertà.
 
Quanto vi prego, continuate,
questa è la serata delle tarantelle.
State ballando? E ballate,
perchè non me ne importa niente
ora che, improvvisamente,
sono libero.
 
Pecché triemme? Nun hê 'a tremmà,
jammo, abballa, nun fà abbedé.
E ride, ca si ride si' cchiù bella,
Pupatè'.
E abballa 'a tarantella,
ca i' tengo mente a te.
 
Perchè tremi? Non devi tremare,
andiamo, balla, non far finta.
E ridi, che se ridi sei più bella,
Bambolina.
E balla la tarantella,
che io ti guardo.
 
Mm'hanno menato quatto palomme
ca só' arrivate dint' 'e ccancelle.
Steva signato nu nomme,
'o nomme 'e chist'amico
ca vò' abballà cu tico
pe' fà nu sfreggio a me.
 
Mi hanno buttato quattro farfalle
che sono arrivate in carcere.
Stava segnato un nome,
il nome di quest'amico
che vuole ballare con te
per fare uno sfregio a me.
 
Pecché triemme? Nun hê 'a tremmà,
…………………………………………..
 
Perchè tremi? Non devi tremare,
………………………………………
 
Dint' 'e ccancelle, cierti mumente,
sti mmane a morze mme só' magnàte.
I' nun capevo cchiù niente.
Dicevo: "E comm'è stato
s'i' stóngo carcerato
p'essa?" Pe'tté. Pe'tté.
 
In carcere, in certi momenti,
queste mani a morsi ho mangiato.
Non capivo più niente.
Dicevo: "E com'è successo
se sono carcerato
per lei?" Per te. Per te.
 
Viene, abballa, strìgnete a me,
quanno abballe si' sempe tu.
'O vi' ll'amico tujo ca sta tremmanno,
Pupatè'.
'O ssape ca i' te scanno,
ma nun t'ajuta a te.
Vieni, balla, stringiti a me,
quando balli sei sempre tu.
Lo vedi il tuo amico che sta tremando,
Bambolina
Lo sa che io ti scanno,
ma non ti aiuta a te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia