PUPAZZETTI


(Pisano, Cioffi – 1937)


 
Io mm'arricordo ca te canuscette
ch'ire proprio piccerella,
na criatura comm'a me.

Jévamo â scola 'nzieme e te dicette:
"Stammo 'e casa â stessa strada,
mme retiro 'nziem'a te?"

Nun mme diciste: "Sí",
ma nun diciste: "No"
e io t'accumpagnaje.
 
Io mi ricordo di averti conosciuta
che eri proprio piccolina,
una bambina come me.

Andavamo a scuola insieme e ti dissi:
"Abitiamo nella stessa strada,
torno a casa insieme a te?"

Non mi dicesti: "Sì",
ma non dicesti: "No"
e io ti accompagnai.
 
Tu, senza genitore comm'a me,
io, senza mamma e pate comm'a te.
Riturnàvamo da 'a scola,
sott' 'o vraccio, sule sule,
comm'a chilli pupazzette d' 'e giurnale,
ma felice comm'a che.
Ma felice comm'a che.
 
Tu, senza genitori come me,
io, senza mamma e papà come te.
Ritornavamo da scuola,
sotto braccio, soli soli,
come a quei pupazzetti dei giornali,
ma felici come non so cosa.
Ma felici come non so cosa.
 
Na zia tenive ca te maltrattava,
na zia 'nfame e senza core.
Tu chiagnive comm'a che.

Nu zio tenevo io pure e mme trattava
comm'a chi tratta a nu cane.
E io chiagnevo comm'a te.

Ma tutto va a fernì.
'O tiempo vola e va.
Passajeno 'e mise e ll'anne.
 
Avevi una zia che ti maltrattava,
una zia infame e senza cuore.
Tu piangevi come non so cosa.

Anche io avevo uno zio e mi trattava
come chi tratta con un cane.
E io piangevo come te.

Ma tutto finisce.
Il tempo vola e va.
Passarono i mesi e gli anni.
 
Po', quanno diciott'anne tenev'i',
tu ne tenive quinnece, Marì'.
E na sera 'e Primmavera
'mmiez'ê rrose e 'mmiez'ê sciure,
nun parlaje 'sta vocca mia, parlaje stu core.
Tu cadiste 'mbraccio a me.
Io cadette 'mbraccio a te.
 
Poi, quando io avevo diciotto anni,
tu ne avevi quindici, Maria.
E una sera di Primavera
tra le rose e tra i fiori,
non parlò questa mia bocca, parlò questo cuore.
Tu caddi in braccio a me.
Io caddi in braccia a te.
 
Ma 'ncopp' 'a terra tutt'è destinato,
tu truvaste 'e genitore,
te venettero a piglià.

E io rummanette triste e abbandunato,
mme guardavo nu vapore
ca vedevo 'e alluntanà.

E mme lassaste tu,
nun t'aggio vista cchiù.
T'accumpagnaje stu core.
 
Ma sulla terra tutto è destinato,
tu trovasti i genitori,
ti vennero a prendere.

E io rimasi triste e abbandonato,
mi guardavo una nave
che vedevo allontanarsi.

E mi lasciasti tu,
non ti ho vista più.
T'accompagnò questo cuore.
 
Mo tiene 'e genitore, vijata a te.
Si' ricca assaje e t'hê scurdata 'e me.
Ma 'o ricordo 'e chella scola,
mo è rimasto sulo sulo.
Uno 'e chilli pupazzette d' 'e giurnale,
torna â casa senza 'e te.
Comme campo senza 'e te?
Ora hai i genitori, beata te.
Sei molto ricca e ti sei dimenticata di me.
Ma il ricordo di quella scuola,
ora è rimasto solo solo.
Uno di quei pupazzetti dei giornali,
torna a casa senza di te.
Come vivo senza di te?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia