PUSILLECO ADDIRUSO


(E. Murolo, Gambardella – 1904)


 
'Ncopp' 'o Capo 'e Pusilleco addiruso,
addó' stu core se n'è ghiuto 'e casa,
ce sta nu pergulato d'uva rosa
e nu barcone cu 'e mellune appise.
'Ncopp' 'o Capo 'e Pusìlleco addiruso.
 
Sul Capo di Posillipo profumato,
dove questo cuore se n'è andato ad abitare,
c'è un pergolato di uva rosa
e un balcone con i meloni appesi.
Sul Capo di Posillipo profumato.
 
E nu canario, canta na canzone
'a dint'a na cajola, appesa fore.
E ll'èllera, s'attacca a stu barcone,
comme nce s'è attaccato chistu core.
 
E un canarino, canta una canzone
da dentro una gabbia, appesa fuori.
E l'edera, si attacca a questo balcone,
come s'è attaccato questo cuore.
 
Quanno 'o sole p' 'o monte se n'è sciso,
chest'aria fresca se fa cchiù addirosa,
e torna da 'a fatica Angelarosa,
cu 'o fascio 'e ll'erba aret'ê spalle appiso,
quanno 'o sole p' 'o monte se n'è sciso.
 
Quando il sole dietro il monte è sceso,
quest'aria fresca diventa più profumata,
e torna dal lavoro Angelarosa,
col fascio d'erba dietro le spalle appeso.
Quando il sole dietro il monte è sceso.
 
Stàmmoce attiente a 'o segno cunvenuto.
Barcone apierto, ce sta ancora 'o frato.
Perziana scesa, 'o frato se n'è asciuto
e 'appuntamento è sotto 'o pergulato.
Stiamo attenti al segnale concordato:
Balcone aperto, c'è ancora il fratello.
Persiana abbassata, il fratello è uscito
e l'appuntamento è sotto il pergolato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia