QUANNO 'AMMORE VO' FILA'


(E. Murolo, Tagliaferri – 1929)


 
Canciello 'e massaria, canciello 'nchiuso,
che catenaccio mamma nc'êva miso.
Sti ddoje zetelle, duje cunfiette rosa,
sperévano pe' n'ommo e pe' nu vaso.
 
Cancello di casa di campagna, cancello chiuso,
che catenaccio mamma ci aveva messo.
Queste due zitelle, due cuffiette rosa,
desideravano un uomo e un bacio.
 
E manco 'a bruna, 'a cchiù maleziosa,
puteva ascì da 'a casa cu na scusa.

E allora Ammore, ndrànghete,
na notte che te fa?
Cu na scalella d'oro,
'mbracci'â bruna se ne va.
 
E neanche la mora, la più maliziosa,
poteva uscire di casa con una scusa.

E allora Amore, ndrànghete,
una notte cosa ti fa?
Con una scaletta d'oro
tra le braccia della mora se ne va.
 
"Nenné'", dicette 'a 'gnóra,
"che sóngo sti suspire?"

"E' 'o ventariello, oje mà',
ca smove 'e ffronne,
'a notte, 'int'a ll'està".
 
"Bambina", disse la signora,
"cosa sono questi sospiri?"

"E' il venticello, oh mamma,
che smuove le foglie
la notte, in estate".
 
E 'a bruna addeventaje cchiù ghianca e rossa
senza russetto 'nfaccia e 'mpont'ô musso.
Cu 'o core doce comm'a ll'ananasso
se prufumava 'e ccarne 'e spicaddossa.
 
E la bruna diventò più bianca e rossa
senza rossetto in faccia e sulla bocca.
Con il cuore dolce come l'ananas
si profumava le carni di lavanda.
 
E 'a sora picciava appriesso a essa:
"Pecché sulo pe'mmé, nisciuno passa?"

E allora Ammore, ndrànghete,
na notte che te fa?
Da n'albero 'e cerase,
'mbracci'â bionda se ne va.
 
E la sorella si accendeva insieme a lei:
"Perchè solo per me, nessuno passa?"

E allora Amore, ndrànghete,
una notte cosa ti fa?
Da un albero di ciliege,
tra le braccia della bionda se ne va.
 
"Nenné', ma chi se lagna,
pe' 'mmiez'a 'sta campagna?"

"E' 'a volpe, duorme oje mà',
che 'a pullanchella
è ghiuta a muzzecà".
 
"Bambina, ma chi si lagna
in mezzo a questa campagna?"

"E' la volpe, dormi oh mamma,
che la gallina
è andata a mordere".
 
Chiagnenno tutt'e doje 'mbracci'â cummara
tenevano 'e ffaccelle comm' 'a cera.
Dicette 'a cummarella: "Oje né' ve prore?
Jammo addu mamma aunite a sti signure.

Cummá', né catenacce o mascature,
nce ponno pe' na femmena in amore.
 
Piangendo tutte e due in braccio alla comare,
avevano le faccine come la cera.
Disse la comare: "Oh ragazze, avete voglia?
Andiamo da mamma con questi signori.

Comare, né catenacci né serrature,
servono per una donna in amore.
 
Si vò' filà, nu spruóccolo
ll'abbasta pe' filà,
si 'a 'nchiude 'int' 'a furtezza,
mette 'e scelle e se ne va.
 
Se vuole filare, un bastoncino
le basta per filare,
se la chiudi in una fortezza,
mette le ali e se ne va.
 
Si 'nnanze vede 'o ffuoco,
si 'nnanze tene 'o mare

nu segno ca lle fa,
cu ll'uocchie 'nchiuse,
'mbracci'a 'ammore va.
 
Se davanti vede il fuoco,
se avanti ha il mare

un segno che le fa,
ad occhi chiusi,
tra le braccia dell'amore va.
 
Trasìte, picceré, sposa cu sposo,
vasàte 'a mano â 'gnóra e tanta scuse".
Entrate, piccole, sposa con sposo,
baciate la mano alla signore e tante scuse".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia