QUANNO MAMMETA NUN CE STA


(Capurro, Gambardella – 1904)


 
A guardarte sempe accussì,
è na cosa ca nun mme va.
Quacche ghiuorno, famme saglì
quanno màmmeta nun ce sta.
 
Guardarti sempre così,
è una cosa che non mi va:
qualche giorno, fammi salire
quando tua mamma non c'è.
 
Io nun pòzzo arrivà a capì
che carattere tiene tu.
Mo te trovo a chicchirichì,
mo te trovo a cucchericù.
 
Io non riesco a capire
che carattere hai tu:
Ora ti trovo a "chicchirichí"
ora ti trovo a "cucchericù".
 
Quanno vaco pe' te parlà,
sempe 'a vocca mm'aggi' 'a appilà.
Ma putimmo,
ma putimmo tirà accussì?
 
Quando cerco di parlarti,
devo sempre chiudere la bocca.
Ma possiamo,
possiamo andare avanti così?
 
"Vene màmmema, lête 'a ccà,
ce sta fràtemo: nun guardà".
A chi santo,
a chi santo vuó' fà ammalà?
 
"Arriva mamma, togliti da qua,
c'è mio fratello, non guardare".
Quale santo,
quale santo vuoi far ammalare?
 
Pe' st'ammore ca sento,oje né',
nu rialo te voglio fà.
Si ll'acciette voglio vedé
che ne dice mammà e papà.
 
Per questo amore che provo, oh bimba,
voglio farti un regalo:
Se l'accetti voglio vedere
cosa ne dicono mamma e tuo papà.
 
E vulesse pur'io tené
nu ricordo, pe' mm' 'astipà.
Sissignore, che male nc'è?
Nu regalo tu mm' 'o puó dà.
 
E vorrei anche avere
un ricordo, per conservarmelo.
Sissignore, che male c'è?
Un regalo me lo puoi dare.
 
Tu mme daje na cosa a me,
io te dóngo na cosa a te
e ll'ammore,
e ll'ammore accussì se fa.
 
Tu dai una cosa a me,
io do una cosa a te
e l'amore,
e l'amore così si fa.
 
Che nce passa tra me e te,
manco 'a gatta ll'ha da sapé.
Acqua 'mmocca,
acqua 'mmocca e lass' 'e pparlà.
 
Cosa c'è tra me e te,
nemmeno la gatta lo deve sapere.
Acqua in bocca,
acqua in bocca e lasciali parlare.
 
Quanno fráteto 'appurarrá,
accummencia: chiacchià, chiucchiù.
Ma 'o rialo po' va a guardà,
se 'mbriaca e nun parla cchiù.
 
Quando tuo fratello capirà,
comincia: chiacchiá, chiucchiù.
Ma poi guarda il regalo,
si confonde e non parla più.
 
Accummencia, pe' se 'nquartà,
pure pàteto ca nun vò'.
Saglie màmmeta p'appurà
e pur'essa fa nu "to-tò".
 
Quando tuo fratello capirà,
comincia: chiacchiá, chiucchiù.
Ma poi guarda il regalo,
si confonde e non parla più.
 
Po' se guardano tutt'e tre
e s'avotano 'nfacci'a te:
"Quann'è chesto,
quann'è chesto sagliesse ccà".
 
Poi si guardano tutti e tre
E si rivolgono a te:
"Se è così,
se è così fallo salire qua".
 
Tu rispunne: "Se sape,
embè stu rialo v' 'o fa pecché,
pecché chillo,
pecché chillo sagliuto è già".
Tu rispondi: "Si sa,
beh, questo regalo ve lo fa perché,
perché lui,
perché lui è salito già".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia