QUANTA ROSE


(Bovio, Lama – 1935)


 
Ma quanta e quanta rose aggio purtato
a chist'ammore ca mme costa 'a vita.
Quanta penziere d'oro aggio sciupato
e quanta, quanta lacreme chiagnute.
Che suonno ch'è stato st'ammore,
ma 'e suonne d'ammore che só'?
 
Ma quante e quante rose ho portato
a questo amore che mi costa la vita.
Quante pensieri d'oro ho sciupato
e quante, quante lacrime piante.
Che sogno che è stato questo amore,
ma i sogni d'amore cosa sono?
 
Só' ròse ca se sfrónnano,
penziere ca se pèrdono.
Só' lettere, só' lacreme,
ca io porto a te.
Só' palummelle e vòlano,
chisà, chisà pecché.
 
Sono rose che appassiscono,
pensieri che si perdono.
Sono lettere, sono lacrime
che io porto a te.
Sono farfalle e volano,
chissà, chissà perchè.
 
Ma chi pò dì st'ammore comm'è nato
e chi nce pò spiegà pecchè è fernuto?
Tu te si' fatta meza, io stó' malato
e nce dicimmo "addio" ll'ultima vota.
Speranze cantate e perdute,
canzone, speranze, che só'?
 
Ma chi può dire questo amore com'è nato
e chi mi ci può spiegare perchè è finito?
Tu sei impazzita, io sono malato
e ci diciamo "addio" l'ultima volta.
Speranza cantate e perdute,
canzoni, speranze, cosa sono?
 
Só' ròse ca se sfrónnano,
penziere ca se perdono.
Só' lettere, só' lacreme
ca puorte a me.
Só' palummelle e vòlano,
chisà, chisà pecché.

Só' palummelle e vòlano,
chisà pecchè.
Sono rose che appassiscono,
pensieri che si perdono.
Sono lettere, sono lacrime
che io porto a te.
Sono farfalle e volano,
chissà, chissà perchè.

Sono farfalle e volano,
chissà, chissà perchè.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia