QUI FU NAPOLI


(E. Murolo, E. Tagliaferri – 1924)


 
Va cu'tté 'stu core amato
pe' 'sta via ca porta a mare.
Llà sta Napule allummato.
Mo ca scinne chesti ggrare
vide 'o mare accumparé.
 
Va con te questo cuore amato
per questa via che porta al mare.
Là c'è Napoli illuminato.
Ora che scendi questi gradini
vedi il mare comparire.
 
Spanne ll'aria nu sapore
d'erba 'e scoglie e de magnà'.
Na cantina 'e piscatore tene
'o lume pronto già.
 
L'aria diffonde un sapore
di erba di scogli e di cibo.
Una cantina di pescatori
ha il lume già pronto.
 
Fuoco e zuccaro 'o mellone,
ce stennimmo 'nterr'â rena.
Neve 'e 'sprinia1 'int' 'o giarrone,
'ncielo 'e stelle e 'a luna chiena.
 
Fuoco e zucchero il melone,
ci stendiamo sulla spiaggia.
Neve di asprinia1 nella giara,
in cielo le stelle e la luna piena.
 
E io canto: "Qui fu Napoli".
Nisciuno è meglio 'e me.
Dimane penzo ê diebbete,
stasera só' nu rre.
 
E io canto: "Qui fu Napoli".
Nessuno è meglio di me.
Domani penso ai debiti,
stasera sono un re.
 
Sentarraje 'ncopp'a la rena
voce a stesa 'e marenare:
"Tira, ohé, ch' 'a rezza vène".
"Forza, ohé, ch'aónna 'o mare".
"Tira, arranca, venga a me".
 
Sentirai sulla spiaggia
le grida dei marinai:
"Tira, ohé, che la rete arriva".
"Forza, ohé, che è mosso il mare".
"Tira, arranca, venga a me".
 
Cu chitarre e lume a giorno
na varchetta passa e va.
Rossa e verde è ll'acqua attuorno,
tu nun mange pe' guardà.
 
Con chitarre e lume a giorno
una barchetta passa e va.
Rossa e verde è l'acqua intorno,
tu non mangi per guardare.
 
E i' te vaso 'sta vucchella
cu cchiù sfizio e passione.
'Sta vucchella sciuliarella
'nfosa 'e vino e de mellone.
 
E io ti bacio questa bocca
con più sfizio e passione.
Questa bocca scivolosa
bagnata di vino e di melone.
 
E io canto:"Qui fu Napoli".
……………………………..
 
E io canto:"Qui fu Napoli".
……………………………..
 
Vintun'ore, ccà vicino,
nu rilorgio ll'ora sona.
Forse è 'ammore, forse è 'o vino.
'Sta faccella s'abbandona,
tu t'adduorme 'mbracci'a me.
 
Le ventuno, qui vicino,
un orologio l'ora suona.
Forse è l'amore, forse è il vino.
Questa faccina si abbandona,
ti addormenti tra le mie braccia.
 
Pe' cuperta tiene 'e stelle,
pe' cuscino chistu core.
Nonna, nonna a st'uocchie belle
só' sti vvoce 'e piscatore.
 
Come coperta hai le stelle,
come cuscino questo cuore.
Ninna nanna a questi occhi belli
sono queste voci di pescatore.
 
Dint' 'o suonno, smaniosa,
mo mme vuó', mo mme ne cacce.
Po' te scite e, vrucculosa,
t'annascunne 'int'a sti bbracce.
 
Nel sonno, desiderosa,
ora mi vuoi, ora mi cacci.
Poi ti svegli e, affettuosa,
ti nascondi tra queste braccia.
 
E io canto: "Qui fu Napoli".
………………………………
E io canto:"Qui fu Napoli".
……………………………..


1 La sprinia è una qualità di uva, diffusa soprattutto nella zona di Aversa, utilizzata per produrre dell'ottimo vino bianco

Un commento su “Qui fu Napoli

  1. Ottimo sito per tutti i cultori e gli appassionati di musica e canzoni napoletane. Grazie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia