REGINELLA


(Bovio, Lama – 1917)


 
Te si' fatta na vesta scullata,
nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose.
Stive 'mmiez'a tre o quatto sciantose1
e parlave francese.
E' accussì?

Fuje ll'autriere ca t'aggio 'ncuntrata,
fuje ll'autriere a Tuleto, 'gnorsì.
 
Hai comprato un vestito scollato,
un cappello con i nastri e con le rose.
Stavi in mezzo a tre o quattro sciantose1
e parlavi francese.
E' così?

Fu ieri l'altro che ti ho incontrata,
Fu ieri l'altro a Toledo, sissignore.
 
T'aggio vuluto bene a te.
Tu mm'hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me.
 
Ti ho voluto bene a te.
Tu mi hai voluto bene a me.
Ora non ci amiamo più,
ma a volte tu,
distrattamente,
pensi a me.
 
Reginè', quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase.
Nuje campàvamo 'e vase, e che vase.
Tu cantave e chiagnive pe'mmé.

E 'o cardillo cantava cu tico:
"Reginella 'o vò' bene a stu rre".
 
Reginetta, quando stavi con me
non mangiavi che pane e ciliegie.
Noi vivevamo di baci, e che baci.
Tu cantavi e piangevi per me.

E il cardellino cantava con te:
"Reginetta vuoi bene a questo re".
 
T'aggio vuluto bene a te.
……………………………..
 
Ti ho voluto bene a te.
…………………………..
 
Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun 'o vvide? Aggio aperta 'a cajóla.
Reginella è vulata? E tu vola.
Vola e canta, nun chiagnere ccà.

T'hê 'a truvà na padrona sincera
ch'è cchiù degna 'e sentirte 'e cantà.
 
Cardellino, chi aspetti questa sera?
Non lo vedi? Ho aperto la gabbia,
Reginetta è volata? E tu vola.
Vola e canta, non piangere qui.

Ti devi trovare una padrona sincera
che è più degna di sentirti cantare.
 
T'aggio vuluto bene a te.
……………………………..
Ti ho voluto bene a te.
…………………………..


1 Il termine "sciantosa" nasce tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900, come italianizzazione della parola francese "chanteuse" (cantante). Inizialmente, infatti, le sciantose eseguivano nei locali brani tratti da opere liriche o operette. Ogni cantante si creava una propria storia e un proprio personaggio, inventando aneddoti sulla propria carriera di diva del teatro e parlando con accento francese pur non essendolo, in modo da dare al pubblico l'impressione di avere davanti una vera diva straniera.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia