REGINELLA


(Bovio, Lama – 1917)


 
Te si' fatta na vesta scullata,
nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose.
Stive 'mmiez'a tre o quatto sciantose1
e parlave francese.
E' accussì?

Fuje ll'autriere ca t'aggio 'ncuntrata,
fuje ll'autriere a Tuleto, 'gnorsì.
 
Hai comprato un vestito scollato,
un cappello con i nastri e con le rose.
Stavi in mezzo a tre o quattro sciantose1
e parlavi francese.
E' così?

Fu ieri l'altro che ti ho incontrata,
Fu ieri l'altro a Toledo, sissignore.
 
T'aggio vuluto bene a te.
Tu mm'hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me.
 
Ti ho voluto bene a te.
Tu mi hai voluto bene a me.
Ora non ci amiamo più,
ma a volte tu,
distrattamente,
pensi a me.
 
Reginè', quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase.
Nuje campàvamo 'e vase, e che vase.
Tu cantave e chiagnive pe'mmé.

E 'o cardillo cantava cu tico:
"Reginella 'o vò' bene a stu rre".
 
Reginetta, quando stavi con me
non mangiavi che pane e ciliegie.
Noi vivevamo di baci, e che baci.
Tu cantavi e piangevi per me.

E il cardellino cantava con te:
"Reginetta vuoi bene a questo re".
 
T'aggio vuluto bene a te.
……………………………..
 
Ti ho voluto bene a te.
…………………………..
 
Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun 'o vvide? Aggio aperta 'a cajóla.
Reginella è vulata? E tu vola.
Vola e canta, nun chiagnere ccà.

T'hê 'a truvà na padrona sincera
ch'è cchiù degna 'e sentirte 'e cantà.
 
Cardellino, chi aspetti questa sera?
Non lo vedi? Ho aperto la gabbia,
Reginetta è volata? E tu vola.
Vola e canta, non piangere qui.

Ti devi trovare una padrona sincera
che è più degna di sentirti cantare.
 
T'aggio vuluto bene a te.
……………………………..
Ti ho voluto bene a te.
…………………………..


1 Il termine "sciantosa" nasce tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900, come italianizzazione della parola francese "chanteuse" (cantante). Inizialmente, infatti, le sciantose eseguivano nei locali brani tratti da opere liriche o operette. Ogni cantante si creava una propria storia e un proprio personaggio, inventando aneddoti sulla propria carriera di diva del teatro e parlando con accento francese pur non essendolo, in modo da dare al pubblico l'impressione di avere davanti una vera diva straniera.

2 commenti su “Reginella

  1. A ciu’bela Rezenela! (titolo). /A pele Te l’è gianca come n’armelin! /doi oci nei bei pecenin! /e masche rosa e bele che Te pai n’angioleto! /aloa drento l’Anema a me sento l’omo ciu’contento! /a belessa daa Luna ne`Te paegia… stochi”a l’è l’Amoe… bei me fanti!/a o save’o perché?/… a fantela che la Te ciasa,l’è aa ciu’bela belessa sorprendente che da o chee T’ariva fin aa mente!/l’Amoe Te fa’vegnie poeta, raize doo chee!/bela Me fantela, quanto A Te vogio ben?/… de note a m’aremeno…de giorno a Te penso!/a go n’a asmania en rent’o peto… chi propio chi drento! Te savessi com’a me sento?/I toi doa bei ocion a i o sempe chi davanti a me!/Ma Te ne Te ghe l’è manco po’ o penseo… manco po’ o”Belin”!/che Me a son chi gianco da o penseo!/a son deventa’n osso… /che de ciu’a ne posso!/… Vivee luntan da Te, a ne se pe’!/Me ne ghe la fao!!/aloa perché ne Te m’arevi?/perché ne te Te smevi?/Adio! aoa Me ven l’asilo, m’anega o cianto!/… quante fite me dà o chee chi ‘n sen, ‘n to’ peto!/
    … Tuto questo pe dite :”Te vogio ben!”! /… ma Te, te Me ve’ben?/… En beo baseto da o Te Gianeto, bela fantela mia dae Pugie, che da Castelaneta… l’Amoe Te m’è porta’ ‘n ta’ me caseta… con quelo vento da o sud, caudo,donde l’Amoe È…!!! (fine) – GIEFFE per Viesse _Traduzione :La più bella Reginella (titolo) :La pelle l’hai bianca come un ermellino, due occhi neri e le guance rosa e belle che sembri un angioletto. Allora dentro l’Anima mi sento l’uomo più contento… la bellezza della Luna non Ti è pari. Questo è l’amore cari ragazzi, e sapete perché? Perché la ragazza che Ti piace è la bellezza più bella e sorprendente che dal Cuore arriva sino alla mente!!! L’Amore Ti fa diventare poeta, radice del Cuore, bella ragazza, devo dirti “Ti voglio bene”!Sono qui bianco dal pensiero, sono diventato un osso, che di più non posso! Vivere lontano da Te, non si può! Allora perché non mi apri? Perché non Ti smuovi? Io non ce la faccio… Ecco, ora mi viene l’ansia… Quante fitte mi dà il Cuore qui nel seno, dentro al petto! Tutto questo per dirti :”Ti voglio bene”! Un bel bacetto, dal Tuo Giannetto!… bella ragazza mia Pugliese, che da Castellaneta l’Amore hai portato nella mia casetta… con quel vento del Sud,caldo, dove l’Amore È…!!! (fine) _da GiEffe per Viesse!!! gennaio 30 mercoledì 2019!!!

    • Poesia in dialetto spezzino ispirata dalla canzone napoletana “Reginella”, una fra le più belle canzoni del SUD! Gianni F., detto Zane o Giànola in spezzino!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia