ROSA, RUSELLA


(Cinquegrana, Di Capua – 1904)


 
Ogne figliola 'e Napule è nu sciore
e, 'mmiez'a tanta sciure, nc'è na rosa.
E chesta rosa, bella e vrucculosa,
Rosa, Rusella mia, si' proprio tu.
 
Ogni ragazza di Napoli è un fiore
e, tra tanti fiori, c'è una rosa.
E questa rosa, bella e affettuosa,
Rosa, Rosetta mia, sei proprio tu.
 
Rosa, Rusella,
cianciosa e bella,
'sta passiuncella
accide a me.
 
Rosa, Rosetta,
vezzosa e bella,
questa passione
mi uccide.
 
Si mme ne cacce,
i' nun 'o ssaccio
chello ca faccio,
'o ssáje, Rusé'.
 
Se mi cacci,
io non so
quello che faccio,
lo sai, Rosetta.
 
Quanno te veco fore a stu balcone,
sott'a 'sta pergulella d'uva rosa,
Rosa, Rusé', mme faje venì na cosa.
Resto accussì, 'ncantato 'nnanz'a te.
 
Quando ti vedo fuori da questo balcone,
sotto questo pergolato di uva rosa,
Rosa, Rosetta, mi fai impazzire.
Resto così, incantato davanti a te.
 
Rosa, Rusella,
………………
 
Rosa, Rosetta,
………………..
 
Ajére tu cusive e i' te guardavo.
Che bella mana janca e piccerella.
Embè, chesta manella accussì bella,
s'ha pezzecato 'o core 'a piett'a me.
 
Ieri tu cucivi e io ti guardavo.
Che bella mano bianca e piccola.
Embé, questa manina così bella,
ha rovinato il cuore nel mio petto.
 
Rosa, Rusella,
………………
Rosa, Rosetta,
………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia