SANTA LUCIA LUNTANA


(E. A. Mario – 1919)


 
Partono 'e bastimente
pe' terre assaje luntane.
Cántano a buordo,
só' Napulitane.
Cantano pe' tramente
'o golfo già scumpare,
e 'a luna, 'a miez'ô mare,
nu poco 'e Napule
lle fa vedé.
 
Partono i bastimenti
per terre molto lontane,
cantano a bordo,
sono napoletani.
Cantano mentre
il golfo già scompare,
e la luna in mezzo al mare,
un po' di Napoli
fa vedere.
 
Santa Lucia,
luntano 'a te,
quanta malincunia.
Se gira 'o munno sano,
se va a cercà furtuna,
ma, quanno sponta 'a luna,
luntano 'a Napule
nun se pò stà.
 
Santa Lucia,
lontano da te,
quanta malinconia.
Si gira il mondo intero,
si va a cercare fortuna,
ma, quando spunta la luna,
lontano da Napoli
non si può stare.
 
E sònano, ma 'e mmane
trèmmano 'ncopp' 'e ccorde.
Quanta ricorde, ahimmé,
quanta ricorde.
E 'o core nun 'o sane
nemmeno cu 'e ccanzone.
Sentenno voce e suone,
se mette a chiagnere
ca vò' turnà.
 
E suonano, ma le mani
tremano sulle corde.
Quanti ricordi, ahimè,
quanti ricordi.
E il cuore non lo guarisci
nemmeno con le canzoni.
Sentendo voci e suoni,
si mette a piangere
perchè vuole tornare.
 
Santa Lucia,
…………….
 
Santa Lucia,
…………….
 
Santa Lucia, tu tiene
sulo nu poco 'e mare,
ma, cchiù luntana staje,
cchiù bella pare.
E' 'o canto d' 'e Ssirene
ca tesse ancora 'e rrezze.
Core nun vò' ricchezze,
si è nato a Napule,
ce vò' murì.
 
Santa Lucia, tu hai
solo un po' di mare,
ma più sei lontana,
più sembri bella.
E' il canto delle Sirene
che tesse ancora le reti.
Il cuore non vuole ricchezze,
se è nato a Napoli
ci vuole morire.
 
Santa Lucia,
…………….
Santa Lucia,
…………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia