SARRA' CHISA'


(R. Murolo – 1959)


 
Primmasera,
'o sole a poco a poco se n'è sciso,
strìgnete 'mbracci'a me cu ll'uocchie nchiuse,
facimmo zittu zitto cu sti vase.

Sarrà chisà.
Sarrà 'sta luna chiena,
na mùseca luntana.
 
E' da poco sera,
il sole a poco a poco si è abbassato,
stringiti tra le mie braccia con gli occhi chiusi,
facciamo piano con questi baci.

Sarà chissà.
Sarà questa luna piena,
una musica lontana.
 
Sarrà chisà.
Forse sarrà stu mare
o 'a luce d' 'e llampare.

Sarrà sarrà Pusilleco
ca mme fa suspirà:
"Te voglio bene".
 
Sarà chissà.
Forse sarà questo mare
o la luce delle lampare.

Sarà sarà Posillipo
che mi fa sospirare:
"Ti voglio bene".
 
'O cielo bello 'e Napule
ch'è fatto pe' cantà
mille canzone.

Sarrà chisà.
Forse sarrà stu core
ch'è troppo 'nnammurato.
 
Il cielo bello di Napoli
che è fatto per cantare
mille canzoni.

Sarà chissà.
Forse sarà questo cuore
che è troppo innamorato.
 
Stasera. Tutt' 'a vita.
Suspìrame abbracciata:
"Ammore mio".

Chianu chiano,
se só' addurmute tutt' 'e manduline,
more pe' ll'aria ll'urdema canzone,
già sponta ll'alba e s'annasconne 'a luna.
 
Stasera. Tutta la vita.
Sospirami abbracciata:
"Amore mio".

Piano, piano,
si sono addormentati tutti i mandolini.
muore nell'aria l'ultima canzone,
già spunta l'alba e si nasconde la luna.
 
Sarrà chisà.
……………
Sarà chissà.
…………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia