SCALINATELLA


(Bonagura, Cioffi – 1951)


 
Scalinatèlla,
longa,
longa,
longa,
longa.
Strettulélla
strettulélla,
addó' sta chella
'nnammuratèlla?
 
Scalinatella
lunga
lunga
lunga
lunga
strettina
strettina
dove sta quella
innamorata?
 
Nun spónta ancora,
zuc
zuc
zuc
zuc.
Zucculillo
zucculillo,
pe' 'sta viarèlla
scarrupatèlla.
 
Non si vede ancora
zoc
zoc
zoc
zoc.
Zoccoletto
zoccoletto,
per questa stradina
sconnessa.
 
Addó' mme ne vogl'ì, t' 'o ddico, e crìdeme,
addó' se ne pò ghì chi è stanco 'e chiágnere?

Scalinatèlla
saglie
'ncielo
o scinne
a mare.
Cercammélla,
trovammélla,
pòrtame a chella
sciaguratèlla.
 
Dove voglio andare, te lo dico, e credimi,
dove può andare chi è stanco di piangere?

Scalinatella,
sali
in cielo
o scendi
a mare.
Cercamela,
trovamela,
portami quella
sciagurata.
 
Chella s'è 'nnammurata 'e nu pittore
ca pitta Capre e parla furastiero.
E i' porto 'mpiétto nu dulore 'e core
e sento che mm'accide stu penziero.
 
Quella si è innamorata di un pittore
Che dipinge Capri e parla straniero.
Ed io porto nel petto un dolore al cuore
E sento che mi uccide questo pensiero.
 
Scalinatèlla
longa
longa
……..
 
Scalinatèlla
lunga
lunga
……..
 
A ghiuorne a ghiuorne parte nu vapore.
A ghiuorne 'ammore mio se vótta a mare.
Un giorno o l'altro partirà una nave.
A giorni il mio amore si getterà in mare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia