SCÉTATE


(Russo, Costa – 1887)


 
Si duorme o si nun duorme bella mia,
siente pe' nu mumento chesta voce.
Chi te vò' bene assaje sta 'mmiez'â via
pe' te cantà na canzuncella doce.
 
Se dormi o se non dormi bella mia,
ascolta per un momento questa voce.
Chi ti vuole tanto bene sta in mezzo alla strada
per cantarti una canzoncina dolce.
 
Ma staje durmenno, nun te si' scetata,
sti ffenestelle nun se vonno aprì,
è nu ricamo 'sta mandulinata,
scétate bella mia, nun cchiù durmì.
 
Ma stai dormendo, non ti sei svegliata,
queste finestrelle non si vogliono aprire,
è un ricamo questa mandolinata,
svegliati bella mia, non dormire più.
 
'Ncielo se só' arrucchiate ciento stelle,
tutte pe' stà a sentì chesta canzone.
Aggio 'ntiso 'e parlà li ttre cchiù belle,
dicevano: "Nce tène passione".
 
In cielo si sono radunate cento stelle,
tutte per sentire questa canzone.
Ho sentito parlare le tre più belle,
dicevano: "Ne ha di passione".
 
E' passione ca nun passa maje,
passa lu munno, essa nun passarrà.
Tu, certo, a chesto nun ce penzarraje,
ma tu nasciste pe' mm'affatturà.
E' passione che non passa mai,
passa il mondo, lei non passerà.
Tu, certo, a questo non non ci penserai,
ma tu sei nata per stregarmi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia