SCHIAVO D'AMMORE


(S. Mazzocco – 1965)


 
Fuje comm'a na fattura,
e stó' attaccato a te, core e penziero,
cu na catena amara
che mm'ha distrutto 'a vita e 'a giuventù.
 
E' stato come una fattura,
e sono attaccato a te, cuore e pensiero,
con una catena amara
che mi ha distrutto la vita e la giovinezza.
 
E mo só' schiavo 'e te,
schiavo d'ammore.
Cchiù te dó' 'a vita e cchiù mme daje veleno.
E io giuro d' 'e spezzà pe' ssempe sti ccatene.
Ma, doppo n'ora,
schiavo d'ammore,
torno addu te.
 
E ora sono schiavo di te,
schiavo d'amore.
Più ti do la vita e più mi dai veleno.
E giuro di spezzarle per sempre queste catene.
Ma, dopo un'ora,
schiavo d'amore,
torno da te.
 
Pe' te, pe' st'uocchie nire,
aggio lassato a n'anema sincera
ca mme vò' bene ancora
e pass' 'a vita a chiagnere pe'mmé.
 
Per te, per questi occhi neri,
devo lasciare la mia anima sincera
che mi vuole bene ancora
e passa la vita a piangere per me.
 
E mo só' schiavo 'e te,
schiavo d'ammore.
Cchiù te dó' 'a vita e cchiù mme daje veleno.
E io giuro d' 'e spezzà pe' ssempe sti ccatene.
Ma, doppo n'ora,
schiavo d'ammore,
torno addu te.
E ora sono schiavo di te,
schiavo d'amore.
Più ti do la vita e più mi dai veleno.
E giuro di spezzarle per sempre queste catene.
Ma, dopo un'ora,
schiavo d'amore,
torno da te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia