SCIULDEZZA BELLA


(Nicolardi, Montagna – 1905)


 
Bella figliola ch'hê 'ngannato a tante,
chi sa si 'e tradimente ll'hê cuntate.
Ma si t'affacce, 'e vvide a tuttuquante,
simmo 'a quarantaquatto 'nnammurate.

'Ammore è doce e 'o spassatiempo è bello,
ll'arape 'sta fenesta o nun ll'arape?
Chist'è 'o mumento pe' chiammà ll'appello,
affácciate nu poco e conta 'e ccape.
 
Bella figliola che hai ingannato tanti,
chissà se i tradimenti li hai contati.
Ma se ti affacci, li vedi tutti,
siamo quarantaquattro innamorati.

L'amore è dolce e il passatempo è bello,
la apri questa finestra o non la apri?
Questo è il momento per fare l'appello,
affacciati un po' e conta le teste.
 
Che finezza 'e cuncertino,
ma è n'orchestra o na fanfarra?
Peppe gratta 'o mandulino,
Tóre pìzzeca 'a chitarra.
Giorgio sona 'a ciaramella1,
Papiluccio, 'o putipù2.
Picceré', sciuldezza bella,
sulo chesto saje fà tu.
 
Che orchestrina di qualità,
ma è un'orchestra o una fanfara?
Giuseppe gratta il mandolino,
Salvatore pizzica la chitarra,
Giorgio suona la ciaramella1,
Raffaeluccio la caccavella2.
Piccola, dolcezza bella,
solo questo sai fare tu.
 
Bella figliola ch'hê 'ngannato a tante,
tenive 'nfrisco tutte sti partite.
Mo 'e vvide ca te sfilano pe' 'nnante,
ma 'o tiempo passa e tu nun te mmarite.

Nun ce sta core ca nun hê traduto,
nun ce sta vocca ca nun hê vasato,
ma nun fa niente, va'. Chi ha avuto ha avuto,
tutto s'acconcia cu na serenata.
 
Bella figliola che hai ingannato tanti,
avevi in fresco tutti questi partiti.
Ora li vedi che ti sfilano davanti.
ma il tempo passa e tu non ti sposi.

Non c'è cuore che non hai tradito,
non c'è bocca che non hai baciato,
non fa niente, va'. Chi ha avuto ha avuto,
tutto si aggiusta con una serenata.
 
Picceré', stu cuncertino
porta overo 'e cape suone,
Bebé canta e Vicenzino
mette 'a terza da 'o puntone.
Giorgio sona 'a ciaramella.
Papiluccio, 'o putipù.
Picceré', sciuldezza bella,
sulo chesto pienze tu.
 
Piccola, questa orchestrina
porta davvero tutti i maestri,
Bebé canta e Vincenzino
mette la terza dall'angolo della strada
Giorgio suona la ciaramella,
Raffaeluccio la caccavella.
Piccola, dolcezza bella,
solo questo pensi tu.
 
Bella figliola ca staje 'nchiusa 'a dinto,
vulessemo sapé cu chi staje 'nchiusa.
Fall'affaccià, ll'avimm' 'a fà cunvinto
ca tu nu juorne 'o 'nchiante cu na scusa.

Tu si' na scellerata e 'o tradimento
cresce cu 'e vase ca ve date ô scuro.
Dille ca se 'mparasse nu strumento,
ll'ha da sunà cu nuje ll'anno venturo.
 
Bella figliola che sei chiusa dentro,
vorremmo sapere con chi sei rinchiusa.
Fallo affacciare, dobbiamo convincerlo
che tu un giorno lo pianti con una scusa.

Tu sei una scellerata e il tradimento
cresce con i baci che vi date nel buio.
Digli che imparasse uno strumento,
lo deve suonare con noi l'anno venturo.
 
Picceré', pe' tutt' 'o vico,
vanno 'e nnote 'e 'sta canzone,
si vedisse 'on Federico
ll'urganetto comm' 'o sona.
Giorgio sona 'a ciaramella.
Papiluccio, 'o putipù.
Picceré', sciuldezza bella,
sulo chesto saje fà tu.
Piccola, per tutto il vicolo,
vanno le note di questa canzone,
se vedessi don Federico
come suona l'organetto.
Giorgio suona la ciaramella.
Papiluccio la caccavella.
Piccola, dolcezza bella,
solo questo sai fare tu.


1 La ciaramella (o Pipita) è uno strumento musicale popolare aerofono della famiglia degli oboi con ancia doppia, cameratura conica e senza chiavi. Il termine ciaramella, deriva dal diminutivo tardo latino calamellus, al femminile calamilla e calamella, derivante a sua volta dalla parola latina calamus, cioè canna. Raramente la si trova come strumento solista, ma è solitamente suonata assieme alla zampogna dagli zampognari che portano la Novena di Natale. Nei vari dialetti italiani prende il nome ciaramedda, cornetta, totarella, trombetta, bìfara, pipìta; in còrso prende il nome di cialamella, cialamedda o cialumbella. 2 La caccavella è uno strumento musicale creato dalla fantasia folkloristica napoletana che, per onomatopea, assume anche il nome di "putipù". Si tratta di un tamburo a frizione costituito da una cassa acustica, una membrana di pelle e una canna di bambù. La cassa acustica può essere un tegame, un mastello di legno o un barattolo di latta. Nella membrana, fissata ai bordi della cassa, viene applicato un foro in cui si inserisce il bambù. Sfregando la canna di bambù con la mano o una spugnetta inumidita, si imprimono vibrazioni alla membrana e, di conseguenza, all'aria contenuta nella cassa, producendo il suono caratteristico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia