SENTINELLA


(Bracco, G. De Curtis – 1917)


 
Nuttata 'e Piererotta. Tutte dormono
'ncopp'a 'sta cimma 'e monte cunquistato,
e io faccio 'a sentinella e stó' scetato.
Nu passo, nu rummore. Chi va là?
 
Nottata di Pedigrotta. Tutti dormono
su questa cima di monte conquistato,
e io faccio la sentinella e sono sveglio.
Un passo, un rumore. Chi va là?
 
E vuje paisane mieje ca state a Napule,
chesta nuttata, vuje, comm' 'a passate?
Nce jate a Piererotta o nun ce jate?
Ce sta chi, na canzone, cantarrà?
 
E voi paesani miei che siete a Napoli,
questa nottata, voi, come la passate?
Ci andate a Piedigrotta e non ci andate?
C'è chi, una canzone, canterà?
 
Vurrìa ca nu signale
facísseve 'a Pusilleco
pe' me puté 'nfurmà.
E n'auto, tale e quale,
pe' dirve: "Ve ringrazio"
io ne facesse 'a ccà.
 
Vorrei che un segnale
faceste da Posillipo
per potermi informare.
E una altro, tale e quale,
per dirvi: "Vi ringrazio"
io farei da qua.
 
Nuttata 'e Piererotta. Che silenzio.
Pure 'e cannune mo se só' addurmute.
Na voce arriva a sti mmuntagne mute,
vène da 'o mare mio pe' mme chiammà.
 
Nottata di Piedigrotta. Che silenzio.
Anche i cannoni ora si sono addormentati.
Una voce arriva a queste montagne mute,
viene dal mio mare per chiamarmi.
 
E a vuje, Napulità' che state a Napule,
ve chiamma o no, stanotte, chistu mare?
Ne tene sempe varche 'e marenare?
Na varchijata v' 'a putite fà?
 
E a voi, Napoletani che siete a Napoli,
vi chiama o no, stanotte, questo mare?
Ce ne ha sempre barche di marinai?
Una navigata ve la potreste fare?
 
Mánnateme 'a risposta
cu nu signale, sùbbeto
facitela vulà.
Si mme screvite,
'a posta ritarda
e pò succedere
ca nun mme truvarrà.
 
Mandatemi la risposta
con un segnale, subito
fatela volare.
Se mi scrivete,
la posta ritarda
e può succedere
che non mi trovi.
 
E tu Carmè', Carmè', ca siente sbattere
'o core, 'mpiett'a me, pure 'a luntano,
comm'io mm' 'o stó' sentenno sott' 'a mano,
che faje stanotte? Chiagne? Ma pecché?
 
E tu Carmela, Carmela, che senti sbattere
il cuore, nel mio petto, anche da lontano,
come io lo sto sentendo sotto la mano,
che fai stanotte? Piangi? Ma perchè?
 
Si tanto doce ancora è 'o cielo 'e Napule,
si ancora tene 'e stelle che teneva,
si dice ancora 'e ccose che diceva,
guardanno 'ncielo, parlarraje cu'mmé.
 
Se tanto dolce è ancora il cielo di Napoli,
se ancora ha le stelle che aveva,
se dice ancora le cose che diceva,
guardando in cielo, parlerai con me.
 
Ccà 'o cielo è tutto stelle
che chiágnono. Ma 'e llagreme
nun vònno fà vedé.
Io guardo 'e ddoje cchiù belle,
una assumiglia a màmmema,
ll'àuta assumiglia a te.
Qua il cielo è tutto stelle
che piangono. Ma le lacrime
non vogliono far vedere.
Io guardo le due più belle,
una assomiglia a una donna,
l'altra assomiglia a te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia