SENZA MAMMA E 'NNAMMURATA


(Donadio – 1925)


 
Sperduto comm' 'e cane 'mmiez'â via,
chiagne stu core mio addulurato.
Smuóvete pure tu, Madonna mia,
pecché na 'nfama sulo mm'ha lassato.
Vurrìa murì, só' troppo sfurtunato.
 
Sperduto come i cani per strada,
piange questo mio cuore addolorato.
Smuoviti anche tu, Madonna mia,
perchè una infame mi ha lasciato solo.
Vorrei morire, sono troppo sfortunato.
 
Mme pare d' 'a vedé cu 'o manto 'e sposa,
cu 'a vesta janca e 'a faccia culor rosa.
Se 'mmeretava, quann'essa è spusata,
na botta ô core, chella scellerata.
 
Mi sembra di vederla col velo da sposa,
col vestito bianco e la faccia color rosa.
Si meriterebbe, una volta sposata,
un colpo al cuore, quella scellerata.
 
E, muorto 'e friddo, jètte â casa mia,
truvaje 'a lampa ô scuro, chella sera,
cantava na civetta 'mmiez'â via
e mamma, dint' 'o lietto, ca mureva.
Io mme facette cchiù ghianco d' 'a cera.
 
E, morto di freddo, andai a casa mia,
trovai la luce spenta, quella sera,
cantava una civetta in strada
e mamma, nel letto, che moriva.
Io mi feci più bianco della cera.
 
E tu redive, 'nfama, pe' dispietto,
mentre stu core mme sbatteva 'mpietto.
Tu chiena 'e sciure 'arancio, ch'allegria.
Io senza mamma, che malincunia.
 
E tu ridevi, infame, per dispetto,
mentre questo cuore mi batteva in petto.
Tu piena di fiori d'arancio, che allegria.
Io senza mamma, che malinconia.
 
Mo ca só' sulo e nun tengo a nisciuno,
io penzo a mamma mia ô campusanto.
Mme struje nu penziero, stó' dijuno,
mme faccio 'a croce e mm'ammalisco tanto
ca st'uocchie mieje se 'nfónnono cchiù 'e chianto.
 
Ora che sono solo e non ho nessuno,
penso a mia mamma al cimitero.
Mi strugge un pensiero, rimango digiuno,
mi faccio la croce e mi intristisco così tanto
che questi miei occhi si bagnano di pianto.
 
Mm'arraccumanno a te, Madonna mia,
primma ca cchiù mm'accresce 'a pecundrìa,
si nenna mia e mamma aggiu perduto,
meglio ca i' moro, troppo aggiu chiagnuto.

Meglio ca i' moro, troppo aggiu chiagnuto.
Mi raccomando a te, Madonna mia,
prima che mi cresca di più la tristezza,
se la mia ragazza e mia mamma ho perso,
meglio che muoia, ho pianto troppo.

Meglio che muoia, ho pianto troppo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia