SENZA NISCIUNO


(Barbieri, E. De Curtis – 1915)


 
Tramonta 'o sole,
vintiquatt'ore.
Sona 'avemmaria.
Senza parole
mme faccio 'a croce
e penzo a mamma mia.
 
Tramonta il sole,
le ventiquattro.
Suona l'ave Maria.
Senza parole
mi faccio la croce
e penso a mia madre.
 
Che malasciorte, ahimé.
Sulo,
senza nisciuno.
E tu,
tu morta si' pe'mmé,
tu morta si' pe'mmé.
 
Che sfortuna, ahimè.
Solo,
senza nessuno.
E tu,
tu sei morta per me,
tu sei morta per me.
 
E tu addó' staje?
Tu ride e si' felice
o si' scuntenta?
Nun chiagne maje?
E stu turmiento
nun te turmenta?
 
E tu dove sei?
Tu ridi e sei felice
o sei scontenta?
Non piangi mai?
E questo tormento
non ti tormenta?
 
Che malasciorte, ahimé.
Sulo,
senza nisciuno.
E tu,
tu morta si' pe'mmé,
tu morta si' pe'mmé.
Che sfortuna, ahimè.
Solo,
senza nessuno.
E tu,
tu sei morta per me,
tu sei morta per me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia