SENZA NOMME


(E. A. Mario, Ciaravolo – 1929)


 
Canto ma nun t'annòmmeno,
nun voglio dicere chi si'.
E tutte s'addimmannano:
"Cantano e sonano? Pe' chi?"
'A luna, ch'è spuntata,
pe' 'sta mandulinata,
'o ssape, e llá pe' llà,
te torna a salutà'.
 
Canto ma non ti nomino,
non voglio dire chi sei.
E tutti si domandano:
"Cantano e suonano? Per chi?"
La luna, che è spuntata
per questa mandolinata,
lo sa, là per là,
ritorna a salutare.
 
'Mbracci'a te
mme só' 'mparato 'e chiagnere.
Senza 'e te
nun saccio cchiù resistere.
Sulo, cu st'aria doce
nun saccio stà.
Miétteme 'ncroce,
famme cantà'.
 
Tra le tue braccia
ho imparato a piangere.
Senza di te
non so più resistere.
Solo, con quest'aria dolce
non so stare.
Mettimi in croce,
fammi cantare.
 
E tiene 'o nomme 'e mammema.
Core sacrilego, pecché
te chiamme comm'a ll'unica
ca è stata tènnera cu'mmé?
I' nun capisco comme
tenite 'o stesso nomme.
Essa, tutta buntà,
tu, tutta 'nfamità.
 
E hai il nome di mia madre.
Cuore sacrilego, perchè
ti chiami come l'unica
che è stata tenera con me?
Io non capisco come
abbiate lo stesso nome.
Lei, tutta bontà,
tu, tutta infamia.
 
'Mbracci'a te
……………..
 
Tra le tue braccia
……………………
 
No, nun te voglio affabbile,
curtese e tènnera cu'mmé.
Pene, turmiente e lacreme,
'mparano 'a femmena ched è.
E cchiù ll'hê dato pene,
chiù t'ha vuluto bene
stu core, ca te vò',
crudele, ancora mo.
 
No, non ti voglio affabile,
cortese e tenera con me.
Pene, tormenti e lacrime,
insegnano cos'è la donna.
E più le hai dato pene,
più ti ha voluto bene
questo cuore, che ti vuole,
crudele, ancora adesso.
 
'Mbracci'a te
……………..
Tra le tue braccia
……………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia