SENZA 'A VARCA


(Bovio, Falvo – 1921)


 
Marená', si nun tiene cchiù 'a varca,
che nce aspiette, che spiere da 'o mare?
Ire 'o rre d' 'a marina e mo pare
ca nun tène cchiù regno stu rre.
 
Marinaio, se non hai più la barca,
che aspetti, che speri dal mare?
Eri il re della marina e ora sembra
che non abbia più regno questo re.
 
Tu nun parle, nun chiagne, ma guarde
comme sfilano 'e vvele lucente,
ma tu sulo nun tiene cchiù niente,
tu nun tiene a nisciuno pe'tté.
 
Tu non parli, non piangi, ma guardi
come sfilano le vele lucenti,
ma solo tu non hai più niente,
non hai niente e nessuno per te.
 
Tu chi si'? Si' straniero a stu mare.
Tu che vuó'? Si' straniero a chest'onne.
Daje na voce? E nisciuno risponne
ca nisciuno mo sape chi si'.
 
Chi sei? Sei straniero per questo mare.
Cosa vuoi? Sei straniero per queste onde.
Chiami? E nessuno risponde
perchè nessuno sa chi sei.
 
Passa Ammore, 'int' 'a varca, cantanno.
E 'a canzone che canta è a doje voce.
Ma che gusto a te mettere 'ncroce?
Ma che sfizio a vederte 'e suffrì?
 
Passa Amore, nella barca, cantando.
E la canzone che canta è a due voci.
Ma che gusto a metterti in croce?
Ma che sfizio nel vederti soffrire?
 
Scenne 'a notte, e' spuntata na stella.
Quacche voce luntana luntana,
na varchetta, nu suono 'e campana,
lento e stanco, 'int' 'a notte d'està.
 
Scende la notte, è spuntata una stella.
Qualche voce lontana lontana,
una barchetta, un suono di campana
lento e stanco, nella notte d'estate.
 
Marenà', ma pecché guarde 'o mare?
Tiene 'a faccia cchiù ghianca d' 'a cera,
che vuó' fà? Torna â casa stasera,
mamma è vecchia e t'aspetta. Ch'hê 'a fà?

Tu nun tiene a nisciuno pe'tté.
Marinaio, ma perchè guardi il mare?
Hai la faccia più bianca della cera,
che vuoi fare? Torna a casa stasera,
mamma è vecchia e ti aspetta. Cosa devi fare?

Non hai nessuno per te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia