SERA NAPULITANA


(De Mura, Gagliardi)


 
Sera napulitana.

Prufumo d'erba 'e mare e ragge 'e luna
mmiscate cu 'e mutive d' 'e ccanzone.
Cantano 'e 'nnammurate a Margellina.
 
Sera napoletana.

Profumo d'erba di mare e raggi di luna
mischiati con i motivi delle canzoni.
Cantano gli innamorati a Mergellina.
 
Sera napulitana.

Po', Napule s'addorme chianu chiano,
pe' se sunnà ch'è ancora na riggina.
Io sulo sulo, ll'uocchie chine 'e te,
mme pare comme fosse fatto a vino.
 
Sera napoletana.

Poi, Napoli si addormenta piano piano,
per sognare che è ancora una regina.
Io da solo, gli occhi pieni di te,
mi sembra di essere ubriaco.
 
Sbattuto 'int'a na rezza, 'mmiez'ô mare,
dint'a na rezza fatta cu sti mmane,
io veco chistu core
cchiù 'nfunno,
'nfunn'ô mare.
 
Sbattuto in una rete, in mezzo al mare,
in una rete fatta con queste mani,
io vedo questo cuore
più infondo,
infondo al mare.
 
Sera napulitana.

Io veco chistu core,
cchiù 'nfunno,
'nfunn' ô mare.

Sera napulitana.
Sera napoletana.

Io vedo questo cuore,
più infondo,
infondo al mare.

Sera napoletana.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia