SERENATA DISPETTOSA


(Raione, Lama – 1912)


 
Comme si fosse 'o primmo appuntamento,
mm'aggio 'ncignato 'o vestetiello 'e lino,
cu 'a cuppulella â sgherra e 'o mandulino,
Stasera, 'int'a stu vico, aggi' 'a cantà
na serenata guappa1 e dispettosa.
A chi se sposa io ll'aggi' 'a dedicà.
 
Come se fosse il primo appuntamento,
mi sono messo un vestitino di lino,
col cappello spavaldo e il mandolino.
Stasera, in questo vicolo, devo cantare
una serenata guappa1 e dispettosa.
A chi si sposa la devo dedicare.
 
Sciore amaranto,
te spuse pe' denare 'o sissantenne
ca tene già nu père ô campusanto.
 
Fiore amaranto,
tu ti sposi per soldi il sessantenne
che ha già un piede nella fossa.
 
Vino 'e Terzigno2,
'o bello venarrà dimane a notte
quanno te cucche a fianco a chella scigna.
 
Vino di Terzigno2,
il bello verrà domani notte
quando ti sdrai accanto a quella scimmia.
 
Frunnéll' 'aruta,
si 'o viecchio arranca 'ncopp'a na sagliuta
tu mánname a chiammà, vengo in aiuto.
 
Fogliolina di ruta,
se il vecchio arranca sulla salita
tu mandami a chiamare, vengo in aiuto.
 
Mm'aggi'affittato 'o carro 'e Bellumunno3,
mettenno, 'int' 'o tavuto, 'o primmo ammore.
Dimane, primma 'e jì 'ncopp'a ll'altare,
'int'a stu vico ll'aggi' 'a fà passà
e doppo mme ne vaco 'int' 'a cantina.
Mentre te spuse, io mm'aggi' 'a 'mbriacà.
 
Ho affittato il carro di Bellomunno3,
mettendo, nella bara, il primo amore.
Domani, prima di andare all'altare,
in questo vicolo lo devo far passare
e dopo me ne vado alla cantina.
Mentre ti sposi, io mi devo ubriacare.
 
Sciore amaranto,
…………………..
 
Fiore amaranto,
…………………
 
Frunnéll' 'aruta,
è mezanotte e 'a Luna se n'è ghiuta,
con questo mio stornello vi saluto.
Fogliolina di ruta,
è mezzanotte e la Luna se ne è andata,
con questo mio stornello vi saluto.


1 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti. 2 Terzigno è un comune di circa 16000 abitanti della provincia di Napoli, nato nel 1920 dalla divisione di Ottaviano. Il fertile suolo vulcanico rende possibile la coltivazione dell'uva e la produzione del rinomato vino "Lacryma Christi". 3 Impresa di pompe funebri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia