SERENATA 'E FEMMENA


(Furnò, E. A. Mario – 1916)


 
'O nnammurato mio dorme cu 'a sposa.
Isso 'a pigliaje pe' zetelluccia 'e casa.
E va dicenno: "Chella vocca 'e rosa,
sultanto a mme mm'ha dato 'o primmo vaso".
 
Il mio innamorato dorme con la sposa.
Se la prese come zitella di casa.
E dice: "Quella bocca di rosa,
solo a me ha dato il primo bacio".
 
E pe' nce fà accapì qual è ll'errore,
e pe nce fà accapì chi è 'sta mugliera,
mm'aggio purtato appriesso: 'o cusetore,
'o nepote d' 'a chianchéra,
'o garzone d' 'o trattore,

ch' 'a sanno meglio d'isso e meglio 'e me.
 
E per fagli capire qual è l'errore,
E per fargli capire chi è questa moglie,
mi sono portata dietro: il sarto,
il nipote della macellaia,
il garzone del trattore

che la conoscono meglio di lui e meglio di me.
 
'O 'nnammurato mio, pe' fà 'o sbruffone,
figlianno 'a sposa, ha fatto nu festino.
E che t'ha fatto nèh, cantante, suone,
balle e sciacquitte, na nuttata sana.
 
Il mio innamorato, per fare lo sbruffone,
mentre la sposa partoriva, ha fatto un festino.
E cosa ha fatto, nèh, canti, suoni
balli e sciacquette, una nottata intera.
 
E pe' nce fà accapì qual è ll'errore,
e pe' nce fà accapì chi è 'sta mugliera,
mm'aggio purtato appriesso: 'o 'nzagnatore,
'o figliasto d' 'a capèra1,
Papiluccio 'o cantatore,

ca ognuno 'e lloro tène che cuntà.
 
E per fagli capire qual è l'errore,
E per fargli capire chi è questa moglie,
mi sono portata dietro: il salassatore,
il figliastro della pettinatrice1,
Raffaeluccio il cantante,

perchè ognuno di loro ha di che raccontare.
 
E mo nce voglio dì: "Mio caro amico,
tu tienatille amice a chist'amice
e nun t' 'e 'nnimicà, chesto te dico,
ca ognuno 'e lloro te pò fà felice.
 
E ora gli voglio dire: "Mio caro amico,
tieniteli amici questi amici
e non inimicarteli, questo ti dico,
perchè ognuno di loro ti può far felice.
 
Anze, si vuò' fà 'a vita d' 'o signore
e vuò' vedé cuntenta 'sta mugliera,
tu miéttete d'accordo cu 'o sartore,
cu 'o nepote d' 'a chianchèra,
cu 'o garzone d' 'o trattore,

ca nisciun'ommo è cchiù cuntento 'e te".
Anzi, se vuoi fare la vita da signore
e vuoi vedere contenta questa moglie,
mettiti d'accordo col sarto,
col nipote della macellaia,
col garzone del trattore,

che nessuno è più contento di te.


1 Pettinatrice, personaggio femminile che ad inizio del XX secolo girava di casa in casa per "acconciare" a pagamento, ma in economia, i capelli delle donne del quartiere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia